Vivere o morire di rifiuti

rifiutiL’altro pomeriggio altro inquietante episodio, altro rogo ed altra diossina, in questo caso a Perugia, in un deposito di selezione e stoccaggio di Ponte San Giovanni e con la conseguente chiusura delle scuole in tutta la Città.

Con questo ultimo insulto all’ambiente, crescono anche i dubbi circa il ripetersi di certi episodi, che ci possa essere una correlazione, che si possa trattare degli effetti non tanto secondari di un clima d’insofferenza, come apparso probabile per l’incendio dell’impianto di Roma, sulla Via Salaria.  

Ecco, dunque, che l’alternativa tra vivere o morire di rifiuti non è paradossale, per la situazione pesante, complicata, che si è generata nel tempo, per una sottovalutazione colposa di problematiche ineludibili, legate alla esplosione  delle  attività antropiche, di certo squilibrate  e perverse rispetto a cicli e sostanze naturali.  

Rifiuti

 

Parto da un vecchio ritaglio del Sole 24 Ore, una notizia del maggio 1979, appena quarantanni fa, quando i comuni italiani convenivano sul da farsi,  per giungere sconsolato alla conclusione, che quanto di orribile accade non può  escludere la responsabilità di chi era consapevole delle antiche endemiche  criticità, da cui si sono generati poi i disastri attuali.

Attendere inattivi il compiersi dell’irreparabile o peggio esserne complici, come avviene in molti luoghi degradati del Paese, non porta da nessuna parte. E’ per questo, che si rende necessaria la sensibilizzazione della società civile e la conseguente  trasformazione del suo ruolo, da passivo ad attivo.

E’ per questo, che la sinergia tra  componenti virtuose, positive e competenti si rende indispensabile.

E’ per questo, che la enfatizzazione o la drammatizzazione di fatti e argomenti, il conferimento d’importanza in termini storici, culturali, ambientali, paesaggistici, economici e non ultimo salutistici non possono che essere funzionali ad un diverso atteggiamento della grande comunicazione, come dell’educazione di base, elementi essenziali per la prevenzione, ma non di meno per la percezione delle situazioni di pericolo, quindi per l’emergenza.  

A cura del Dott. Ruggero Alcanterini direttore “L’Eco Del Litorale” ed editorialista di “Il Giornale sull’amianto”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.