2.7 C
Rome
giovedì, Dicembre 1, 2022

Stop mascherine sui trasporti e negli ospedali

Letto: 107 volte

Ultimi articoli

Stop mascherine Ffp2 dal primo ottobre. Venerdì 30 settembre potrebbe essere infatti davvero l’ultimo giorno di obbligo di indossare le mascherina anticovid sui mezzi di trasporto pubblico quali treni, autobus e metro. E sembrerebbe confermato lo stop anche in ospedali, ambulatori medici e Rsa. Dal Ministero della Salute è trapelato che molto probabilmente non ci saranno ulteriori proroghe relativamente a questi obblighi. Nonostante lo stop mascherine, però, resta ferma la facoltà di ciascuno di continuare ad indossare le mascherine nei luoghi chiusi, affollati o con insufficiente ricambio d’aria.

Diverso il caso per i luoghi di lavoro. In questo caso l’obbligo permane fino al 31 ottobre, ultimo giorno fissato per i protocolli di sicurezza. Essi prevedono la misurazione della temperatura, distanziamento e uso della mascherina quando non sia possibile rispettare il metro di distanza. Quindi stop mascherine, ma resta l’obbligo del green pass per gli operatori sanitari, i ricoverati e i visitatori delle strutture ospedaliere e Rsa.

Gli ultimi dati, relativi al 27 settembre, parlano di 44 mila nuovi casi positivi e 64 decessi nelle 24 ore precedenti. Il dato sui positivi è di quasi mezzo milione (oltre 444 mila persone) con oltre 3.600 ricoverati.

Stop mascherine, ma per i vaccini a che punto siamo?

L’Ema (Agenzia europea per il farmaco) sta valutando la richiesta di autorizzazione avanzata da Moderna per la versione adattata di Spikevax; quest’ultima punta sia al virus originale che alle varianti Omicron Ba4 e 5.

Inoltre, sia Spikevax di Moderna che Comirnaty di BioNTech/Pfizer hanno ricevuto dall’Ema l’autorizzazione all’immissione in commercio standard. Le aziende hanno infatti fornito tutti i dati richiesti per l’autorizzazione iniziale: sperimentazioni, studi aggiuntivi e ed osservazionali. Tali autorizzazioni non dovranno più quindi essere rinnovate di anno in anno, pur restando in capo alle aziende tutti i consueti obblighi. “Tali sperimentazioni e studi aggiuntivi – ha spiegato Aifa (Agenzia italiana del farmaco) – hanno fornito dati rassicuranti su aspetti chiave come la capacità dei vaccini di prevenire la forma severa di COVID-19. Inoltre, le aziende hanno fornito tutti i dati supplementari richiesti sulla qualità farmaceutica dei vaccini”.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita