Sportello amianto ONA a Piombino. Chiesto il prepensionamento dei lavoratori della Lucchini e dell’indotto.

Domenica 09.04.2017 ore 10.00 – Comune di Piombino, Via Ferruccio Francesco n. 4, Saletta Rossa.

Si è tenuta la conferenza/assemblea pubblica “Amianto: prepensionamento e risarcimento danni”, nel corso della quale sono intervenuti l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente Osservatorio Nazionale Amianto – ONA ONLUS; il Sig. Nigro Mario, Sindacalista FIM-CISL Piombino; il Sig. Bellucci Luciano, Coordinamento ONA Piombino; la Sig.ra Franchi Antonella, Coordinamento Nazionale ONA; l’Avv. Tommaso Confortini, Ufficio Legale ONA e l’Avv. Alfonso Papa, Ufficio Legale ONA.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha reso pubblici i dati sul mesotelioma, riferiti alla Provincia di Livorno, che comprendono anche i dati relativi al mesotelioma di Piombino, oltre che di Rosignano, e tali dati sono risultati allarmanti: 441, pari al 23,8% del numero complessivo dei casi della Toscana a fronte di una popolazione di circa 160.000 abitanti, che rappresenta circa il 4%.

E’ stato evidenziato come la città di Piombino figuri tra i primi posti per numeri di mesoteliomi nel quaderno del Ministero della Salute n. 15 (maggio/giugno 2012), che riporta n. 22 casi di mesotelioma, che è soltanto la punta dell’iceberg, perché debbono essere considerate anche le seguenti ulteriori patologie:

– quelle fibrotiche (asbestosi, placche pleuriche e ispessimenti pleurici, con complicazioni cardiovascolari e cardiocircolatorie);

– quelle tumorali:

– mesotelioma;

– tumore polmonare;

– tumore alla laringe e all’ovaio recentemente inseriti nella Lista 1 dell’INAIL;

– altri tumori del tratto gastrointestinale (faringe, stomaco e colon).

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha in corso il censimento delle diverse patologie asbesto-correlate attraverso la piattaforma digitale ONA REPAC, strumento che permette di avere un quadro complessivo completo riferito a tutte le patologie asbesto correlate e non già circoscritto ai soli casi di mesotelioma che sono gli unici censiti dal sistema pubblico.

L’occasione dell’assemblea pubblica del giorno 09.04.2017 ha permesso di inaugurare anche la nuova sede di Piombino, sita in Via San Francesco n. 67.

In questo modo, tutti gli associati e simpatizzanti hanno un luogo fisico per potersi incontrare e per poter programmare le attività dell’associazione e quelle di assistenza.

Eletto coordinatore il Sig. Luciano Bellucci, che sarà coadiuvato dalla Sig.ra Antonella Franchi, con il supporto dell’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’associazione.

L’Osservatorio Nazionale Amianto, Dipartimento di medicina del lavoro, ha già istruito un certo numero di domande amministrative per lavoratori esposti professionalmente a polveri e fibre di amianto, che avevano contratto, tra l’altro, asbestosi, ispessimenti pleurici e placche pleuriche, il segno che ci sono state, anche nei tempi più recenti, delle esposizioni di una certa intensità.

«L’Osservatorio Nazionale Amianto ha già chiesto, chiede e chiederà, che tutti i lavoratori dell’acciaieria ex Italsider ottengano il riconoscimento dei benefici contributivi per esposizione ad amianto fino al 02.10.2003, senza distinzioni di reparti e mansioni, così come stabilito dall’art. 1, commi 20, 21 e 22, della L. 247/07.

L’ONA, anche in seguito a diversi interventi, continua a lamentare la non uniformità nell’accredito dei benefici contributivi per il prepensionamento e le rivalutazioni delle pensioni, anche per quanto riguarda i termini (perché in qualche caso tale benefici viene riconosciuto solo fino alla metà degli anni ’90 e non fino al 02.10.2003) e per di più un coefficiente ridotto all’1,25, mentre invece questa norma aveva tra le sue finalità quella di permettere il prepensionamento; e torna a chiedere che detta norma si applichi anche ai lavoratori delle ditte dell’indotto e dei servizi esternalizzati; o tuttalpiù che il coefficiente 1,5, utile per il prepensionamento sia riconosciuto sulla base dell’art. 1, co. 115, L. 190/2014.

L’Osservatorio Nazionale Amianto, in data 05.04.2017, ha chiesto al Ministro del Lavoro, Dott. Giuliano Poletti, e al Presidente dell’INPS Prof. Tito Boeri di voler armonizzare i provvedimenti pensionistici sulla base degli atti di indirizzo ministeriale e di quanto stabilito dalle già citate norme di legge, dovendo lamentare invece un’applicazione non uniforme e puntuale di tali norme di legge» dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto.

Nel caso di mancato riscontro, l’associazione proseguirà il suo impegno in sede amministrativa e giudiziaria.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha chiesto anche al Sindaco di Piombino, Dott. Massimo Giuliani, e al Presidente della Regione Toscana, Dott. Enrico Rossi, si facciano portatori delle ulteriori iniziative dovendo riscontrare già l’accoglimento della richiesta dell’ONA di una più capillare attività di sorveglianza sanitaria, dopo che è stata già notificata una diffida alla Azienda Toscana Nord-Ovest ex USL 6 Livorno, e si profila la prima azione innanzi il Tribunale Civile di Piombino.

Punti della conferenza:

  • per rendere pubblici i dati epidemiologici relativi a tutte le patologie asbesto correlate (e non solo ai casi di mesotelioma);
  • sul numero di riconoscimenti delle malattie professionali e benefici contributivi per esposizione ad amianto, anche in seguito all’intervento dei Dipartimenti ONA;
  • richiesta all’INPS di applicazione uniforme delle norme in materia di benefici contributivi con estensione a tutti i lavoratori dell’ex Italsider e dell’indotto del riconoscimento fino al 02.10.2003, con il coefficiente 1,5;
  • richiesta all’INPS di applicazione dell’art. 1, co. 250, della L. 232/16 con immediato prepensionamento in favore di tutti i lavoratori riconosciuti affetti da mesotelioma, tumore polmonare e asbestosi;
  • richiesta di incontro con il Presidente dell’INPS, Prof. Tito Boeri, e con il Ministro del lavoro Dott. Giuliano Poletti, perché le linee guida, di cui all’atto di indirizzo ministeriale per il riconoscimento dei benefici amianto con il coefficiente 1,5, per tutti i lavoratori dell’ex Italsider e delle società dell’indotto trovino applicazione.

 

Al convegno/assemblea pubblica sono intervenuti:

 

Avv. Ezio Bonanni, Presidente Osservatorio Nazionale Amianto – ONA ONLUS

Sig. Nigro Mario, Sindacalista FIM-CISL Piombino

Sig. Bellucci Luciano, Coordinamento ONA Piombino

Sig.ra Franchi Antonella, Coordinamento Nazionale ONA

Avv. Tommaso Confortini, Ufficio Legale ONA

Avv. Alfonso Papa, Ufficio Legale ONA

Per informazioni:

Ufficio Stampa ONA Fabrizia Nardecchia 3927462313

Presidenza Nazionale: 3358304686 – osservatorioamianto@gmail.com

Via Crescenzio, n.2, 00193 – Roma

Leave a Comment

Your email address will not be published.

ONA Notiziario Amianto