SEGNALA LE PATOLOGIE ASBESTO CORRELATE E RICHIEDI L’ASSISTENZA MEDICO LEGALE ONA

 Benvenuto!

Segnala i casi di sospetta patologia asbesto correlata.

Per poter avere un contatto diretto con i nostri collaboratori, compila il formulario in basso.

La segnalazione va compilata indicando i proprio riferimenti, oltre alla tipologia di Mesotelioma, ovvero di altra patologia asbesto-correlata tra quelle indicate nella tabella sottostante, e alla regione di residenza. I dati verranno utilizzati esclusivamente a fini statistici.

Nel caso in cui si volesse mantenere l’anonimato si può procedere con la segnalazione compilando i campi sottostanti inserendo solo le informazioni necessarie (tipologia di patologia asbesto correlata e regione di riferimento).

EFFETTUA UNA SEGNALAZIONE 



L’Osservatorio Nazionale Amianto ha realizzato la presente piattaforma digitale al fine di effettuare un’indagine epidemiologica delle patologie asbesto correlate, ovvero dell’incidenza delle diverse patologie tra coloro che sono stati esposti ad amianto.

In questo modo i singoli cittadini possono essere parte attiva di uno strumento che potrà permettere di integrare le tabelle, con altre patologie, e permettere quindi una estensione delle patologie indennizzabili, degli accrediti delle maggiorazioni contributive per esposizione ad amianto per prepensionamento, e il risarcimento dei danni, tanto più dopo che è venuto meno il sistema tabellareInfatti, l’esposizione e l’ingestione di polveri e fibre di amianto può provocare anche altre patologie oltre a quelle classiche, già riconosciute, e tra le finalità dell’Osservatorio Nazionale Amianto vi è anche quella di portare alla luce l’effettiva incidenza e la relativa condizione di rischio di tutti i lavoratori e cittadini in relazione all’utilizzo dell’amianto e alla sua mancata bonifica, nei luoghi di vita e di lavoro.


Effettua la tua segnalazione per:

  • Le patologie asbesto correlate (Tabella I dell’INAIL, di cui si presume l’origine professionale):

Il mesotelioma della pleura, del pericardio, del peritoneo, cancro al polmone, cancro alla laringe e all’ovaio, asbestosi, placche ed ispessimenti pleurici, con complicazioni cardiovascolari e cardiocircolatorie (patologie inserite nella Lista I dell’INAIL: di cui si presume l’origine professionale).

  • L’amianto, inalato e/o ingerito provoca anche altri tipi di cancro (Tabella II dell’INAIL, di cui si presume una limitata probabilità. Con obbligo di denuncia all’INAIL, ex art. 139 del DPR 1124/65):

Tumore della faringe, tumore dello stomaco e tumore del colon-retto

  • Tabella III dell’INAIL, di cui si presume l’origine professionale possibile:

Tumore dell’esofago


Inoltre la letteratura scientifica dimostra che le polveri e fibre di amianto provocano anche le seguenti ed ulteriori patologie tumorali…

Patologie asbesto correlate riconosciute nella lista I inail:

Patologie asbesto correlate riconosciute nella lista II inail:

  • Tumore alla faringe (c10-c13);
  • Cancro dello stomaco  (c16);
  • Cancro del colon retto (c18-c20);

Patologie asbesto correlate riconosciute nella lista III inail:

Nella LISTA III (origine professionale possibile), è inserito soltanto, il cancro all’esofago (tumore amianto)


Segnala i casi di queste patologie allOsservatorio Nazionale Amianto, in questo modo chiederemo che le tabelle vengano integrate e queste patologiericonosciute.

Così, oltre al risarcimento, cercheremo di sollecitare la bonifica dei siti, dei luoghi di vita e di lavoro, dalla presenza di amianto e di altri cancerogeni.

Questi dati, una volta raccolti, costituiranno la base per chiedere all’INAIL e al Ministero del Lavoro di ampliare le tabelle delle malattie professionali asbesto correlate che debbono essere indennizzate in favore dei lavoratori, e dei familiari di quelli deceduti.


L’assistenza dell’Osservatorio Nazionale Amianto.

L’Osservatorio Nazionale Amianto, con la guida dell’Avv. Ezio Bonanni, oltre a raccogliere tutti i dati epidemiologici, con la seguente piattaforma, assiste tutti i cittadini e lavoratori che ne fanno richiesta.

L’assistenza tecnica, medica e legale, potrà essere richiesta direttamente all’Osservatorio Nazionale Amianto e all’Avv. Ezio Bonanni, semplicemente inoltrando una e-mail all’indirizzo: osservatorioamianto@gmail.com oppure tramite il sito istituzionale: dopo aver consultato le diverse sezioni del sito dell’Osservatorio Nazionale Amianto attraverso la quale potranno essere acquisite le informazioni di carattere generale. Tutti coloro che chiederanno assistenza riceveranno risposta dall’Avv. Ezio Bonanni, dal Prof. Luciano Mutti e dai coordinatori nazionali.