22.7 C
Rome
lunedì, Maggio 20, 2024

San Ginesio, amianto in cantiere e scarsa sicurezza: 8 denunce

Letto: 258 volte

Ultimi articoli

Presenza di amianto e mancata valutazione dei rischi, ma anche violazione delle norme sulla sicurezza. Sono questi i motivi per cui in un cantiere a San Ginesio, in provincia di Macerata, i carabinieri hanno denunciato 8 persone. In seguito ai controlli i militari hanno anche sospeso 2 attività.

San Ginesio, blitz in un cantiere della ricostruzione

Il blitz in uno dei cantieri della ricostruzione dopo il terremoto, è scattato grazie al coordinamento del comando provinciale di Macerata. In questo ultimo weekend i militari del Nucleo operativo e radiomobile di San Ginesio e del Nucleo ispettorato del lavoro di Macerata hanno controllato una palazzina privata del borgo.

Qui hanno purtroppo trovato diverse irregolarità. In particolare, nonostante il sospetto della presenza di materiali in amianto, non sarebbero stati valutati i rischi e non sarebbe stata inviata la notifica all’autorità competente che avrebbe dovuto effettuare un sopralluogo. Questo avrebbe sicuramente comportato uno stop dei lavori, necessario però a preservare la salute degli operai e dei residenti.

Gli effetti dell’amianto sulla salute umana

L’amianto, infatti, utilizzato nella realizzazione degli edifici fino al 1992 – anno della sua messa al bando – è altamente pericoloso. I suoi effetti sulla salute comprendono diversi tumori asbesto correlati, tra i quali il mesotelioma, detto anche la malattia sentinella del minerale killer. Che si possono manifestare anche a distanza di 30, 40 e anche 50 anni dopo l’esposizione. Le sue fibre provocano anche infiammazioni e patologie come l’asbestosi e le placche pleuriche. Tanto sull’argomento si può trovare ne “Il libro bianco delle morti di amianto in Italia – ed. 2022”, scritto dal presidente dell’Osservatorio nazionale amianto, l’avvocato Ezio Bonanni.

I casi di mesotelioma, invece, sono registrati nel VII Rapporto ReNaM dell’Inail, anche se i dati non sono completi. L’Ona da anni porta avanti la battaglia per le vittime dell’amianto e per i loro familiari, riuscendo a supportare chi viene colpito da queste patologie. Ha anche realizzato una App che i cittadini possono usare per segnalare i siti contaminati.

Per quanto riguarda il cantiere di San Ginesio, i carabinieri hanno denunciato un altro imprenditore per violazioni in materia di sicurezza.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita