27 C
Rome
venerdì, Agosto 12, 2022

Rai, amianto nel palazzo di viale Mazzini: verso la vendita

Letto: 315 volte

Ultimi articoli

Bonificare dall’amianto il palazzo della Rai di viale Mazzini costerebbe 90 milioni di euro. Per questo, scrive La Repubblica in base ad un documento riservato, la società sarebbe pronta a vendere gli immobili della sede storica della Capitale, caratterizzata dalle tante vetrate e dal Cavallo morente di Messina all’ingresso.

Rai, bonifica bloccata

L’edificio, costruito negli anni ’60, è pieno di amianto e la bonifica, se pur prevista prima del lockdown a causa del Covid, non è mai stata realizzata. Il vecchio cda ritenne che era inutile spostare oltre 1300 dipendenti con lo smart working e lo smaltimento non partì, più probabilmente per il costo elevato dell’operazione. Ora sembra che la società preferisca costruire una nuova sede piuttosto che mettere a posto questa.

Una notizia che rende ancora più attuale il problema amianto in Italia, non arginato a discariche abusive in campagna. Ma, come da sempre denunciato dall’Osservatorio nazionale amianto, ancora presente in edifici pubblici e privati e sui luoghi di lavoro.

Asbesto nel palazzo di viale Mazzini: bonificati solo 2 piani

Un pericolo per tutti i dipendenti che non usano certo dispostivi di protezione (a parte quelli anti Covid), tra i corridoi e nelle stanze della struttura dove lavorano ogni giorno. L’amianto, infatti, è stato eliminato soltanto al settimo piano, quello degli uffici dei vertici e al piano terra. Questa bonifica mirata aveva sollevato non poche proteste.

L’asbesto è stato smaltito anche all’ingresso principale, dove passano i conduttori, gli ospiti e i vip, ma certamente anche tanti lavoratori. L’ingresso secondario, invece, è rimasto così com’era. Il primo era in condizioni peggiori e c’era l’urgenza di intervenire.

Gli operai specializzati hanno liberato anche le zone della mensa e del bar, dalle quali sono state eliminate le fibre killer. L’amianto, però resta negli altri piani e tutti ne sono a conoscenza. A quanto pare, però, la Rai non può sostenere le spese della bonifica.

Rai, i danni dell’amianto

Il presidente dell’Ona, l’avvocato Ezio Bonanni, torna così a ribadire quanto questo materiale possa essere dannoso per la salute umana. Negli anni ha causato tante patologie asbesto correlate e un numero vergognoso di decessi. Il mesotelioma, tumore della pleura, è causato soltanto dall’esposizione all’amianto. L’Inail tra il 1993 e il 2018 ha registrato 31572 vittime causate soltanto da questa malattia.

L’avvocato Bonanni spiega però da tempo che i decessi sono molto di più. I dati sono disponibili nel suo “Libro bianco delle morti di amianto in Italia – ed. 2022“, così come le soluzioni per liberare il territorio dal killer silenzioso.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita