19.7 C
Rome
giovedì, Maggio 23, 2024

Pinguini allo specchio: come reagiscono?

Letto: 515 volte

Ultimi articoli

Come reagiscono i pinguini guardandosi allo specchio? Un test svela il comportamento di questi simpatici animali.

Pinguini vanitosi o consapevoli?

I pinguini selvatici di Adélie (Pygoscelis adeliae), si riconoscono allo specchio? Forse!

A supporlo è uno studio preliminare in attesa di revisione, guidato dall’etologo cognitivo Prabir Ghosh Dastidar del Ministero delle Scienze della Terra indiano. A coadiuvarlo nella ricerca, Azizuddin Khan dell’Indian Institute of Technology di Bombay e Anindya Sinha del National Institute of Advanced Studies di Karnataka, sempre in India.

Un viaggio in Antartide 

Per scoprire se effettivamente i pinguini si riconoscono, i tre studiosi si sono recati nell’isola di Svenner, nell’Antartide orientale.

La scelta è caduta su questi uccelli, dal momento che sono animali altamente sociali e relativamente facili da testare.

Pinguini sottoposti al mirror test di Gordon Gallup

Gli scienziati hanno sottoposto dodici pinguini al “mirror self-recognition (MSR)”, un metodo di valutazione della consapevolezza del sé degli animali, ideato negli anni Settanta dallo psicologo americano Gordon Gallup.

Piccola curiosità: anziché testare gli animali in cattività, come nella maggior parte degli studi MSR, il team ha lavorato con pinguini selvatici, non avvezzi alla presenza di esseri umani.

Per allentare lo stress, gli studiosi hanno dunque apportato qualche modifica al test originale.

Come hanno reagito i pinguini? Le fasi del test

I ricercatori hanno condotto quattro esperimenti.

  • Primo test: sono stati posizionati alcuni specchi a terra, nelle vicinanze dei pinguini, per osservare il loro comportamento;
  • Secondo test: gli scienziati hanno usato strutture di cartone come recinzione per isolare ogni pinguino. Hanno poi indirizzato la loro attenzione verso uno dei due specchi posizionati alle estremità; 
  • Terzo esperimento: il team ha mostrato ai pinguini uno specchio su cui era apposto un adesivo circolare a livello della testa. Il test serviva a far credere agli animali che l’immagine appartenesse a un altro uccello;
  • Quarto esperimento: i ricercatori hanno messo un bavaglino rosso sul petto di ogni pinguino, prima di lasciarlo guardare di nuovo allo specchio.

Risultati del test 

  • Quando sono stati esposti in gruppo davanti allo specchio, i pinguini non hanno reagito;
  • Se isolati gli uni dagli altri, alcuni esemplari hanno iniziato a studiare i loro riflessi senza tuttavia toccarli. Davanti alla loro immagine, i pinguini non hanno reagito in maniera aggressiva, come se non temessero il misterioso individuo davanti ai loro occhi;
  • Gli uccelli si sono agitati osservando gli adesivi. Hanno provato a beccarli con insistenza, come se cercassero di rimuoverli;
  • Nessuno di essi ha fatto caso al bavaglino rosso. «La mancanza di interesse dei pinguini per i bavaglini- spiega Sinha, può essere spiegata dalle loro abitudini acquatiche. I pinguini sono molto più sensibili al blu. Sono piuttosto insensibili ai colori arancione e rosso». Di conseguenza, il test del bavaglino non deve essere visto necessariamente come un fallimento dell’esperimento.

Pinguini allo specchio, il parere degli studiosi 

Secondo gli autori dello studio, i risultati sarebbero “un po’ ambigui”, ma nell’insieme suggeriscono che i pinguini abbiano effettivamente un certo grado di auto-consapevolezza.

Il parere di Gallup

Gallup, ideatore del test, ha manifestato il suo scetticismo in merito all’esperimento sui pinguini.

Secondo lui, sarebbero necessari studi più approfonditi e ulteriori esperimenti per sondare questo aspetto della coscienza.

Consapevolezza animale  

Ricerche precedenti avevano dimostrato che l’autoconsapevolezza è rara nel regno animale.

Finora, a superare il test, sono stati alcuni mammiferi, soprattutto elefanti, pochi uccelli e alcuni pesci. Ad ogni modo, l’esperimento in questione ha portato a quattro il numero di uccelli che hanno mostrato una certa consapevolezza dei loro riflessi.

Gli altri sono: le gazze eurasiache, i corvi domestici indiani e i piccioni.

Un test importante 

Sinha pensa che lo studio potrebbe avere implicazioni significative per la nostra comprensione della cognizione degli uccelli.

«I pinguini sono un gruppo molto antico di uccelli» afferma. In effetti, i loro primi antenati risalgono a sessanta milioni di anni fa. «Le nostre idee sull’evoluzione del sé, sono state finora limitate alle specie di mammiferi».

Non ci resta che attendere nuovi studi!

Fonti 

Prabir Ghosh Dastidar et al, Possible Self-awareness in Wild Adélie PenguinsPygoscelis adeliae,bioRxiv (2022).DOI: 10.1101/2022.11.04.515260

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita