23.4 C
Rome
martedì, Settembre 27, 2022

Niente alcol in gravidanza, danni irreparabili sul bambino

Letto: 290 volte

Ultimi articoli

L’alcol può causare gravi danni al feto. È questo il messaggio che vuole far arrivare la Giornata mondiale della sindrome feto-alcolica che ogni anno cade il 9 settembre.

È stata istituita per sensibilizzare su una questione di vitale importanza, spesso ignorata anche per motivi culturali. Invece i primi 1000 giorni di vita, dal concepimento ai due anni del bambino, sono fondamentali per il suo sviluppo fisico e psichico.

“Gli interventi preventivi, protettivi o curativi realizzati con tempestività in questa primissima fase – spiegano dal ministero della Salute – determinano risultati di salute positivi importanti non soltanto per il bambino e l’adulto che sarà, ma anche per i genitori, la collettività e le generazioni future”.

La sindrome feto-alcolica è una disabilità permanente che si manifesta nel feto che durante la gravidanza è stato esposto all’alcol consumato dalla madre.

Alcol, danni al sistema nervoso centrale del feto

Le bevande alcoliche possono causare danni sul sistema nervoso centrale, la più grave delle conseguenze. Questi comportano segni e sintomi di disabilità e che includono disturbi comportamentali, di attenzione, cognitivi, delle funzioni esecutive e di memoria.

Anche da adulti questi pazienti possono avere deficit di pensiero astratto, di organizzazione, di pianificazione, di apprendimento. Così come nel ricordare sequenze di eventi, nel collegare relazioni di causa-effetto, deficit di linguaggio espressivo e ricettivo. E ancora problemi nelle abilità sociali e di consapevolezza e regolazione dei comportamenti e delle emozioni. Gli esperti hanno stilato un elenco che comprende più di 400 condizioni associate e che comportano disabilità più o meno gravi che accompagnano i pazienti per tutta la vita.

Altri disturbi causati dall’alcol

Oltre alla Fas ci sono tutta una serie di anomalie strutturali e disturbi dello sviluppo neurologico che possono verificarsi a causa dell’alcol assunto dalla madre in gravidanza e durante l’allattamento. Disordini che vengono ricompresi nel termine Fasd (Fetal alcohol spectrum disorder).

La Fas si può evitare completamente

La notizia rassicurante è che la Fas si può prevenire al 100%, se le donne in gravidanza e le neo mamme rinuncino all’alcol. Molte future mamme, invece, credono che il consumo di vino, birra, liquori, aperitivi alcolici o superalcolici, in maniera saltuaria e moderata, non comporti problemi per il feto.

L’Alleanza europea per la sindrome feto-alcolica raccomanda “zero alcol” in gravidanza, e nei momenti appena precedenti ad essa, quando si desidera avere un figlio, e anche se si è ad alto rischio di gravidanza non pianificata.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita