Natura: salvaguardia di flora e fauna

Cosa significa natura e cosa significa salvaguardarla? In questa guida scopriamo tutto sul concetto di natura e sulla sua salvaguardia. Salvaguardare la natura e l’ambiente è importante per la nostra salute. Gli studi scientifici che dimostrano e descrivono lo stretto legame tra inquinamento e aumento delle malattie neoplastiche e respiratorie si uniscono ai più recenti dati che hanno mostrato come i sintomi da Covid-19 fossero più gravi dove presente un più alto livello di inquinamento atmosferico.

Quello di natura è un concetto molto ampio. Nella sua accezione più ampia include in effetti l’universo intero, considerato nella totalità dei fenomeni e delle forze che in esso si manifestano, compresi i fenomeni fisici e quelli che coinvolgono la vita.

ONA – Osservatorio Nazionale Amianto si occupa da decenni della lotta all’amianto e tutela della salute e quindi dell’ambiente. La salvaguardia della natura è infatti imprescindibile alla tutela della salute dando vita ad un binomio inscindibile tra ambiente e salute.

Consulenza mobbing
Indice dei contenuti
Natura etimologia e significato
Natura vs cultura
Elementi della natura
La Terra
Vita sulla Terra
Fauna
Flora
La Teoria Gaia
La natura in Italia
La tutela della natura

Natura: etimologia e significato

Qual è l’etimologia della parola natura? Il termine natura deriva dal latino Natura che significa “ciò che sta per nascere” e che a sua volta è la traduzione latina del greco physis (φύσις).

Per natura si intende solitamente il sistema totale degli esseri viventi, animali e vegetali, e delle cose inanimate che presentano un ordine, realizzano dei tipi e si formano secondo leggi. Quindi la natura non riguarda solo la sfera generale delle piante e degli animali, ma anche la sfera dei processi associati ad oggetti inanimati, i fenomeni meteorologici o geologici della Terra e la materia e l’energia di cui tutte queste realtà sono composte.

Il concetto di natura è strettamente connesso a quello di ambiente. Sono ambienti naturali il deserto, i boschi, le spiagge, i mari e gli oceani, e tutti gli ambienti che non sono artefatti e creati dall’uomo. Nel globo esistono pochissimi posti intoccati dalle attività umane che si possono definire di natura selvaggia. Nel linguaggio comune definiamo naturali tutti quei luoghi, seppur modificati in passato dall’azione dell’uomo, in cui permane una certa naturalità.

natura

Natura vs cultura

In epoca moderna il termine naturale viene utilizzato in contrapposizione a quello di artificiale, dove è artificiale tutto ciò che è creato dall’uomo. Questa distinzione nasce dalla dicotomia tra natura e cultura, intesa in senso antropologico come tutto ciò di materiale e immateriale che è prodotto da un popolo.

Lo sviluppo della scienza e della tecnologia negli ultimi due secoli è stato accompagnato da una certa contrapposizione ideologica tra uomo e natura in cui la conoscenza, prodotto della cultura, viene spesso considerata uno strumento di dominio della natura, piuttosto che un mezzo per vivere in armonia con essa.

Se la natura rappresenta il caos la cultura rappresenta un ordine artefatto creato dall’uomo e dai suoi concetti. Se nel corso della storia del pensiero occidentale abbiamo assistito a delle mitizzazioni del concetto di natura rispetto a quello di cultura, ora ci muoviamo verso un’armonizzazione tra le due parti in cui prende sempre più piede l’idea che senza un’armonia tra natura e cultura non esiste alcuna possibilità di benessere per il nostro pianeta e per l’uomo.

Elementi della natura

Come già accennato, gli elementi che compongono la natura sono tanti quanta la complessità dell’intero universo. Includono fenomeni, forze ed elementi che ancora non conosciamo. La natura sulla Terra risponde alle leggi della fisica conosciuta sebbene la fisica quantistica e le nuove scoperte aggiungono relativismo anche ai concetti di tempo e gravità.

La Terra: il nostro ambiente naturale

La Terra ospita la vita come da noi concepita e conosciuta. La superficie del globo terrestre contiene acqua in tutti e tre gli stati (solido, liquido e gassoso). Un’atmosfera composta in prevalenza da azoto e ossigeno insieme al campo magnetico avvolge il pianeta e protegge la Terra dai raggi cosmici e dalle radiazioni solari e insieme alla presenza dell’acqua permette l’esistenza della vita.

Si stima che la Terra si sia formata intorno ai 4,54 miliardi di anni fa. Abbiamo diviso questo immenso tempo (immenso dal nostro punto di vista di uomini) in ere geologiche, periodi ed epoche. L’epoca in cui viviamo è chiamata Olocene, un’epoca fino ad aggi caratterizzata da una certa stabilità climatica e dalla mancanza di stravolgimenti di enorme portata.

Alcuni scienziati ipotizzano l’entrata nell’epoca dell’Antropocene, un’epoca marcata dagli stravolgimenti prodotti dall’uomo. Per la validità della scala dei tempi geologici c’è bisogno che essi siano segnati e riconoscibili da segni evidenti e misurabili. Ecco allora che l’esplosione della bomba atomica al termine della Seconda Guerra Mondiale ha lasicato sul nostro pianeta dei segni indelebili che potranno essere riscontrati a distanza di ere geologiche.

Vita sulla Terra: i regni

La Terra ospita la vita che classifichiamo in due grandi regni: quello vegetale e quello animale. Del primo fanno parte tutte le piante e del secondo tutti gli organismi pluricellulari. A questi si aggiungono il regno dei protisti (unicellulari, che siano alghe o con un’unica cellula animale), il regno delle monere (di cui fanno parte alghe azzurre e batteri) e i funghi, a metà strada tra regno animale e vegetale. Se infatti i vegetali sono gli unici organismi in grado di fabbricarsi l’energia per vivere direttamente dal sole, gli animali hanno bisogno di cibarsi di organismi vegetali o di animali che a loro volta se ne sono cibati. I funghi, come gli animali, non sono in grado di prodursi gli zuccheri necessari alla vita, ma hanno una struttura più simile alle piante che agli animali.

Fauna

La fauna include tutti gli animali che vivono sulla terra. La faunistica include invece tutti gli animali che vivono in un dato ambiente. La flora comprende l’insieme degli appartenenti al regno vegetale. I regni superiori sono legati tra di loro da relazioni complesse così come ci sono relazioni inscindibili tra tutti gli esseri viventi di un singolo regno superiore.

Gli animali comprendono in totale più di 1.800.000 specie di organismi classificati in costante crescita. Tra questi il gruppo più numeroso è quello degli invertebrati che oltre a contare il più grande numero di generi e specie, conta anche il più grande numero di esseri viventi del regno animale. Ci basti pensare che le sole formiche, che contano tantissime specie, superano in numero quello degli esseri umani.

Flora

Il regno vegetale conta molte più specie di esseri viventi rispetto a quello animale. Le piante inferiori, anche dette piante non vascolari o briofite, come le alghe e i muschi, hanno strutture molto semplici. Le loro cellule non sono specializzate e ognuna svolge sia le funzioni di fotosintesi che di immagazzinamento dell’acqua. Le radici, se presenti, hanno funzione solitamente di sostegno e si riproducono in ambienti umidi attraverso le spore. C’è bisogno infatti di acqua perché lo sperma maschile possa nuotare verso la cellula uovo.

Le piante vascolari, più complesse, hanno fatto il loro ingresso sulla Terra circa 430 milioni di anni fa. Hanno in effetti colonizzato il globo a partire dal mare, alla ricerca di un luogo in cui ci fosse meno competizione e più risorse di luce. Le cellule delle piante vascolari sono altamente specializzate e hanno un complesso sistema di vasi che conducono l’acqua e i nutrienti verso l’alto e i prodotti della fotosintesi verso il basso.

Le felci costituiscono un elemento di congiunzione tra le briofite e le piante vascolari perché hanno sistemi vascolari e cellule specializzate ma non producono semi, bensì spore ed hanno bisogno di acqua per riuscire a riprodursi.

Le piante al contrario degli animali, coem già accennato, riescono a produrre direttamente dall’energia solare l’energia per vivere, sotto forma di elementi complessi prodotti attraverso la fotosintesi clorofilliana.

Alcune piante complesse dopo la loro evoluzione sulla Terra ferma sono tornate al mare. Pensiamo per esempio alle praterie di Poseidonia che popolano i fondali marini e che producono fiori, frutti e semi e sono un’importantissima difesa dall’erosione delle spiagge, fonte di ossigenazione dei mari e rifugio e alimento per la fauna marina.

La teoria Gaia

L’ipotesi Gaia è una teoria, avanzata da James Lovelock nel 1969 e anticipata da Giovanni Keplero nel diciassettesimo secolo. Secondo questa teoria tutti gli esseri viventi sulla Terra contribuirebbero a comporre un vasto ed unico organismo. Questo enorme organismo, capace di autoregolarsi nei suoi vari elementi per favorire a sua volta le condizioni generali della vita, è stato definito con il nome della dea greca Gaia, personificazione della Terra.

Natura in Italia

La natura in Italia è una delle più ricche di biodiversità d’Europa. La forma stretta e allungata e le varie latitudini toccate permettono infatti lungo lo stivale la presenza di una varietà di climi che vanno dal continentale al mediterraneo. Il territorio ricco di colline e catene montuose favorisce inoltre la creazione di nicchie ecologiche. In Italia sono presenti infatti numerosi endemismi, specie cioè che vivono solo in una determinata porzione di territorio.

L’Italia è però anche uno dei paesi con la maggiore pressione antropica, una pressione presente sin da millenni. L’uomo ha completamente trasformato il territorio italiano. Ha bonificato le immense paludi costiere (ultima l’Amazzonia perduta dell’Agro Pontino e Romano e i suoi oltre 30.000 ettari di paludi e foreste), ha ceduato gli alberi di alto fusto per ricavarne legna e carbone, ha coltivato, creato terrazzamenti e sostituito i boschi di querce e le faggete con i castagneti.

Sono pochissime le aree naturali della penisola che possono considerarsi integre. Tra queste citiamo il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi con le faggete vetuste e intoccate della Riserva Integrale di Sasso Fratino.

Rete Natura 2000

Rete Natura 2000 è uno strumento della politica dell’Unione Europea per la conservazione della biodiversità. Si tratta di una rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell’Unione, istituita ai sensi della Direttiva 92/43/CEE “Habitat” per garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna che li abitano, minacciati o rari a livello comunitario.

Rete Natura 2000 è costituita dai Siti di Interesse Comunitario (SIC), identificati dagli Stati Membri secondo quanto stabilito dalla Direttiva Habitat, che vengono successivamente designati quali Zone Speciali di Conservazione (ZSC), e comprende anche le Zone di Protezione Speciale (ZPS) istituite ai sensi della Direttiva 2009/147/CE “Uccelli” per la conservazione degli uccelli selvatici.

La novità di Rete Natura 2000 consiste, non solo nel creare dei veri e propri corridoi ecologici tra aree protette e non, ma anche nella protezione di habitat in cui sono presenti attività antropiche. Tra queste ci sono per esempio i coltivi tradizionali che costituiscono un habitat importante per alcune specie floristiche e faunistiche.

Ecosistemi naturali: cosa sono?

Gli ecosistemi sono costituiti da una o più comunità di organismi viventi (animali e vegetali), e da elementi non viventi (abiotici, come il clima, la presenza di acqua etc…), che interagiscono tra loro. In un ecosistema si creano interazioni reciproche in un equilibrio dinamico.

Per habitat si intende invece l’ambiente in cui vive una determinata specie vivente, in relazione con le altre.

Tutela della natura

Sin dal Neolitico l’uomo è intervenuto a modificare il paesaggio naturale, attraverso disboscamenti e l’introduzione di colture e animali di importazione, con grave danno per la flora e la fauna locali. L’allevamento ovino ha contibuito alla desertificazione, così come la canalizzazione, la bonifica e i sistemi di irrigazione a cui l’uomo ha lavorato sin da tempi protostorici.

Con lo sviluppo della tecnologia la capacità dell’uomo di modificare il paesaggio naturale è aumentata ulteriormente. A questo si aggiungono l’aumento della popolazione e l’urbanizzazione crescente rendendo sempre più manifesto il sostituirsi di paesaggi artificiali a quelli naturali.

Lo sfruttamento del suolo, il problema dello smaltimento dei rifiuti, l’inquinamento (atmosferico, marino, acustico, termico e idrico) e la deforestazione (questi ultimi connessi al cambiamento climatico e riscaldamento globale) rendono la tutela della natura una materia sempre più urgente e di vitale importanza.

Cosa significa salvaguardia della natura?

Per salvaguardia della natura si intendono tutti gli atti tesi a impedire l’alterazione degli ambienti e degli equilibri naturali, per esigenze di ordine ricreativo, scientifico e pratico. A scopo ricreativo, oltre all’amenità di un paesaggio naturale, si tende a conservare le caratteristiche naturali ed ecologiche di un ambiente per potere godere di paesaggi che altrimenti rischiano di scomparire.

La conservazione di tutte le specie biologiche (la tutela della biodiversità) consente alla ricerca di disporre di un materiale abbastanza vario che offre nuove possibilità alla ricerca soprattutto in campo medico.

Quando parliamo di tutela della natura a scopo pratico ci riferiamo invece alla necessità di tutelare gli ambienti e i loro equilibri per garantire la vita sulla Terra e con essa anche quella dell’uomo che, per quanto slegato dagli ambienti fisici in cui vive (pensiamo alla nostra capacità di costruire megalopoli nel deserto) fa parte anch’egli dell’ambiente.

Il riscaldamento globale, se non arginato, potrebbe mettere a repentaglio la vita dell’uomo e di altri animali e piante sulla Terra

Danni dell’uomo alla natura

Vediamo nel dettaglio quali sono i danni inferti dall’uomo alla natura e quali le conseguenze. Per quanto riguarda le alterazioni su flora e fauna, le prime risalgono alla Preistoria. Attraverso l’uso del fuoco per creare radure abitabili e per stanare la selvaggina l’uomo ha iniziato a modificare il paesaggio. I nuclei umani erano però ancora troppo piccoli e poco numerosi per determinare un cambiamento senza possibilità di ritorno.

Con la nascita dell’allevamento e dell’agricoltura i cambiamenti furono più profondi. Gli erbivori saturarono le possibilità dei pascoli e ne alterarono la struttura e l’equilibrio floristico, da cui derivano degradazione e desertificazione. La coltivazione di specie alimentari mutò profondamente gli ecosistemi e sempre più spazio fu devoluto agli insediamenti stabili e alle colture.

Con la rivoluzione industriale le tecniche agricole intensive e il disboscamento massiccio portarono a un’erosione del suolo profonda e irreversibile e alla completa modifica delle aree naturali nella maggior parte delle aree del globo.

La caccia, a finalità soprattutto sportive o commerciali, ha portato all’estinzione di animali. Tra questi 150 specie di Mammiferi e 120 di Uccelli, tra cui cetacei, grandi carnivori e rapaci. L’introduzione di specie alloctone in determinati ecosistemi ha causato l’estinzione di animali e piante, inadatti alla competizione con le specie aliene.

Con l’accrescimento della popolazione e con la crescita della tecnologia è inoltre aumentato lo sfruttamento di fonti di energia non rinnovabile.

La minaccia delle specie aliene

Le specie aliene meritano un paragrafo a parte quando si parla di natura. Esse infatti sono la seconda causa di estinzione di animali e piante. Questi ultimi si diffondono nello spazio cambiando i loro areali nel corso del tempo. Per farlo in modo naturale però sono necessari tempi molto lunghi che prevedono l’adattamento di tutto l’ecosistema alle nuove presenze. Quando gli animali e le piante vengono invece spostati in nuove zone dall’uomo le cose cambiano.

Si definiscono specie aliene le specie che non sono originarie di un dato ambiente ma che si trovano lì perché diffuse da attività antropiche. Queste specie, evolutesi in ambienti diversi, spesso possono portare a gravissimi squilibri degli ecosistemi e causare estinzioni importanti. In questo caso si parla di specie aliene invasive. Ne sono un esempio i bellissimi fiori viola di Unghie di strega (Carpobrotus) che colorano le nostre dune costiere e che minacciano l’estinzione di tutte le specie vegetali dei nostri ambienti costieri, mettendo a repentaglio l’esistenza stessa della duna. Ne sono un esempio il gambero della Luisiana che minaccia di estinzione i nostri anfibi, e ancora il daino, la nutria e l’ailanto.

Cause della distruzione della natura

L’inquinamento ha determinato una profonda contaminazione di acqua, aria, suolo alterando l’equilibrio ecologico.

Fra le principali cause della distruzione della natura vi sono:

  • inquinamento atmosferico, termico, del suolo e idrico ed emissioni di gas serra connessi anche con il riscaldamento globale;
  • deforestazione, agricoltura intensiva con uso di pesticidi e pesca massiccia;
  • ignoranza dell’ambiente biofisico, mancanza di cultura ecologica;
  • importazione di specie aliene a fini commerciali, di caccia o decorativi.

Provvedimenti per la tutela della natura

La lenta crescita di consapevolezza dell’importanza di tutelare la natura ha portato all’istituzione dei parchi naturali, sin dal XIX secolo e alla nascita di organizzazioni come l’IUCN, il WWF, l’UNESCO, l’UNEP.

A partire dagli anni 80 gli Stati hanno iniziato a partecipare a conferenze internazioniali. Questo per raggiungere accordi internazionali, di non facile realizzazione per i contrastanti interessi in gioco legati allo sviluppo.

L’Agenda 2030 dell’ONU ha visto l’impegno degli stati menbri al miglioramento delle condizioni di vita sul globo entro il 2030.

A sostegno degli obiettivi di salvaguardia ambientale ci sono quelli per uno sviluppo sostenibile, includendo una serie di politiche per garantire un’equità delle risorse economiche e sociali a tutti gli individui.

Disastri ambientali ed ecoreati

Il disastro ambientale è un fenomeno con una vasta ricaduta sull’ambiente e sulla salute degli organismi che lo abitano e dell’uomo. Esso può avere origine naturale o antropica e si definisce tale nei casi in cui risulta catastrofico per:

  • la numerosità degli organismi viventi coinvolti;
  • la gravità degli effetti su tali organismi;
  • vastità del territorio interessato.

Prima dell’introduzione della L. 68/2015 non esisteva nel nostro ordinamento un precetto che potesse direttamente tutelare il bene “Ambiente”. Ciononostante, al fine di trovare uno stratagemma, la giurisprudenza aveva posto il delitto di “disastro innominato”, previsto all’art. 434, comma 2, c.p., a presidio dei fatti più gravi di inquinamento ambientale che non rientravano nell’elenco dei disastri previsti dallo stesso articolo 434 c.p.

La legge 22 maggio 2015, n. 68 ha introdotto il reato ambientale nel nostro ordinamento giuridico.

Reato di inquinamento ambientale e disastro ambientale

reato di inquinamento ambientale e quello di disastro ambientale, come già detto, sono disciplinati rispettivamente dagli articoli 452-bis c.p. e 452-quater c.p., entrambi introdotti dalla L. 22 maggio 2015, n. 68 (Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente).

Per il primo è prevista la reclusione da due a sei anni e la multa da euro 10.000 a euro 100.000 per chiunque abusivamente cagioni una compromissione o un deterioramento significativi e misurabili delle acque o dell’aria, o di porzioni estese o significative del suolo o del sottosuolo; di un ecosistema, della biodiversità, anche agraria, della flora o della fauna.

Per il secondo è prevista la reclusione da cinque a quindici anni in caso, alternativamente, di alterazione irreversibile dell’equilibrio di un ecosistema, alterazione dell’equilibrio di un ecosistema la cui eliminazione risulti particolarmente onerosa e conseguibile solo con provvedimenti eccezionali; offesa alla pubblica incolumità in ragione della rilevanza del fatto per l’estensione della compromissione o dei suoi effetti lesivi ovvero per il numero delle persone offese o esposte a pericolo.

G20 di Napoli 2021

Quello di Napoli è stato il primo G20 dedicato ai temi della transizione ecologica.

Significativi risultati sono documetati nella relazione finale:

  • Mantenere l’aumento della temperatura del Pianeta sotto il grado e mezzo.
  • La transizione verso le energie rinnovabili è stata riconosciuta come strumento per una crescita socio-economica inclusiva e veloce.
  • Confermata la scelta di destinare una quota ambiziosa dei fondi per i piani nazionali di ripresa a favore di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.
  • Riconosciuta la necessità di promuovere una mobilità sostenibile e verde.
  • Riconosciuti i risultati del recente rapporto IPBES e IPCC sul nesso tra biodiversità e cambiamento climatico.
  • Adottata la visione per un’economia circolare.
  • Road map per rafforzare gli investimenti nelle attività del capitale naturale.

ONA: salvaguardare la natura

L’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto si occupa da decenni di prevenzione rispetto al rischio amianto in Italia e di altri agenti cancerogeni. Tra questi citiamo uranio, gas radon e radiazioni ionizzanti.

L’Osservatorio si occupa anche prevenzione secondaria e terziaria e fornisce assistenza legale agli esposti per il risarcimento integrale dei danni subiti. Le vittime di esposizione a inquinamento e cancerogeni sul luogo di lavoro hanno infatti diritto al risarcimento integrale dei dani subiti (biologico, morale, esistenziale e del danno patrimoniale).

Compila il form

Numero ONA mobbing
Whatsapp ONA mobbing