23.7 C
Rome
mercoledì, Aprile 21, 2021

Il Coronavirus e la fuga dal civismo

Ultimi articoli

La società ai tempi del coronavirus

Dal disastroso capolino della bozza di decreto del PCM, a quella precipitosa dei viaggiatori verso il sud, passando per l’inquietante conato rivoltoso tra gli ospiti delle carceri, per finire alla menefreghista migrazione di gitanti sulle spiagge e sulle piste da sci.

Questa la panoramica di quello che potrebbe essere l’ultimo, estremo tentativo di fuga da una realtà che appare contingente.

Una realtà che è la risultante di una visione distorta dei diritti, dei doveri e degli obblighi in uno Stato che si identifica come Paese civile.

In effetti, l’idea di infischiarsene del coronavirus, ieri si combinava con il sole memore dell’otto marzo, che voleva comunque omaggiare la parte più razionale della nostra collettività, le donne.

Coronavirus, economia e società

Ma intanto aumentavano in linea geometrica contagiati e vittime. Intanto andavano in paresi servizi e sistemi, attività ed economia. Adesso, dopo la Lombardia, si palesano restringimenti progressivi ben oltre gli iniziali, di altre regioni, piuttosto che di borghi e città.

In realtà ormai nulla è estraneo al fenomeno pandemico. Nonostante continuiamo sostanzialmente a rifiutare, come capita con l’orribile realtà ambientale in cui l’uomo, rapito da suicida egoismo, ha precipitato la Terra.

Qualcuno penserà ad un paragone inadeguato per difetto, ma credo che l’esempio dato in questi giorni dalla Lega di Serie A del calcio sia esemplificativo del concetto.

E allora? Allora, a futura memoria, nel breve e nel medio termine, occorrerà che chi governa abbia il coraggio di farlo e che, superata l’emergenza, metta i veri problemi in agenda, cominciando dalla inesistente educazione civica e sanitaria, nonché motoria nelle scuole. Un atto fondamentale da compiere, spostando risorse su voci di spesa oggi praticamente eluse, che fanno della nostra società civile una collettività ignorante.

Rincorrere i problemi, anziché prevenirli, cercare di rigenerare la classe medica e paramedica impoverita da numeri chiusi e prepensionamenti, tentare di recuperare nosocomi dismessi o di adattare immobili con altra vocazione per recuperare la logica di prossimità nei territori, dopo aver fatto strame di quanto c’era, in nome e per conto della diafana Comunità Eurocentrica, adesso appare stupido se non demenziale, ma tant’è.

Forse occorrerà invertire la naturale tendenza a guardare il bicchiere mezzo pieno e prendere consapevolezza del mezzo vuoto, di capire che chi grida al lupo, anche quando non lo si vede, spesso non esagera, ma semplicemente utilmente intuisce. Infine, ricordiamoci della storica metafora del Titanic, ostinatamente in festa, pur con l’acqua già alla testa.

I servizi di assistenza ONA

L’Osservatorio Nazionale Amianto – ONA Onlus e l’Avv. Ezio Bonanni tutelano i diritti dei lavoratori esposti e vittime dell’amianto e altri cancerogeni. In questa pandemia covid-19, l’amianto ha aumentato il suo impatto.

Già le fibre sono cancerogene come chiarite dallo IARC nell’ultima monografia. Ora con il coronavirus, l’indice di mortalità è più elevato. Tanto è vero che ciò è stato evidenziato anche dall’avv. Ezio Bonanni nel corso della conferenza stampa amianto del 13.10.2020 in Campidoglio.

Quindi è stato rivolto un appello al Premier Draghi per una maggiore attenzione per il rischio amianto. Infatti, è stata reiterata la richiesta di un nuovo protocollo Covid-19 per le vittime amianto. assistenza ona

- Advertisement -

Numero verde ONA

Chiedi assistenza gratuita