Heysel, trentacinque anni di vergogna e di dolore

Heysel Heysel

Editoriale a cura del Dott. Ruggero Alcanterini editorialista per “Il Giornale Sull’Amianto” e direttore di “L’Eco Del Litorale”

Giusto il 29 maggio del 1985 si consumava uno degli episodi peggiori del tifo, della violenza dentro e fuori degli stadi. Protagonisti gli Hooligans, campioni del teppismo internazionale, si determinò una strage nello stadio Heysel di Bruxelles, dove si disputava la finale di Coppa dei Campioni tra JuventusLiverpool. All’Heysel morirono 39 persone: 32 italiani, 4 belgi, 2 francesi e un irlandese. Andrea Casula di Cagliari aveva dieci anni. I feriti, di cui molti gravi, furono oltre seicento.

Numero Verde Assistenza ONA

  • RICHIEDI ASSISTENZA GRATUITA