Tutela Fondo Vittime Amianto: il successo dell’ONA

Amianto Amianto

ONA: Fondo Vittime amianto (aggiornamento 2020)

Nel nostro paese; un nuovo “big killer” che silenziosamente si fa spazio nella quotidianità di ognuno di noi e che continua a mietere vittime.

Tenendo conto di tutte le patologie che l’amianto è in grado di cagionare, il bilancio sale. Più di 6.000 decessi ogni anno. in Italia, e sono oltre 107.000 le persone nel mondo che ogni anno muoiono per malattie collegate all’amianto. Come accertato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità e confermato dalle monografie IARC; eppure non si riesce a ottenere il bando totale di questo materiale.

Tutela legale e medica Fondo Vittime Amianto

Chiama il numero verde, contattaci su Whatsapp o compila il form per ricevere assistenza gratuita.

WhatsApp-numero-onapng

    L’impegno dell’ONA e dell’Avv. Ezio Bonanni (2020)

    Il Governo italiano ha istituito il Fondo Vittime per l’Amianto anche grazie alle associazioni che ne hanno sottolineato la necessità. Tra queste, vi è proprio l’Osservatorio Nazionale Amianto che, attraverso le parole del suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni dichiara:

    Grazie all’impegno dell’ONA c’è stato un aumento delle prestazioni del Fondo Vittime Amianto. Infatti, il Fondo Vittime Amianto per i titolari di rendita, è ora pari al 20% della prestazione. In caso di mesotelioma per esposizione ambientale o anche domestica, c’è il diritto all’importo di €10.000,00. Naturalmente non si risolve così il problema amianto, le cui fibre sono sempre cancerogene”. 

    La cancerogenicità dell’amianto è, ulteriormente, confermata dallo IARC nella sua ultima monografia amianto.

    Tra i nostri obiettivi principali vi è quello della prevenzione primaria. Questa si realizza con la diffusione della cultura del rischio zero, esteso a tutti gli agenti patogeni e cancerogeni oltre che all’amianto. L’unico sistema per evitare nuove malattie e, quindi, nuovi decessi, è quello di evitare ogni forma di esposizione a queste fibre killer, e ciò attraverso la bonifica. Risarcire non è sufficiente. Non c’è prezzo alla vita umana e alla sofferenza che le vittime e i familiari sono costretti a subire”.

    L’Osservatorio Nazionale Amianto rende pubblica la proroga della normativa in materia di prestazioni dal Fondo Vittime Amianto. Il tutto, in favore di coloro che risultano affetti da mesotelioma per i periodi dal 2015 al 2017. Dal 2020, c’è stato un aumento della prestazione, oggi prevista nella misura del 20% dell’indennizzo e/o della rendita.

    ONA e prestazioni del Fondo Vittime Amianto

    Si tratta di una prestazione per un importo, che prima era pari ad €5.600,00. Poi c’è stato l’impegno di tutte le associazioni, tra cui l’ONA. Nel maggio del 2017, questo notiziario amianto news, ha intervistato il Dott. Giuseppe D’Ercole, presidente del Fondo Vittime Amianto.

    L’intervista è stata rilasciata dal Dott. Giuseppe D’Ercole e ripercorre la storia del Fondo Vittime Amianto. Sono riportate le dichiarazioni che lo stesso Dott. Giuseppe D’Ercole, svolto presso INAIL lo scorso 01.03.2017.

    L’Osservatorio Nazionale Amianto intende, quindi, da una parte, permettere a tutti i cittadini vittime dell’amianto affetti da mesotelioma, di ottenere tale indennizzo. Ma, al tempo stesso, non rinuncia al giudizio critico per l’importo esiguo riservato ad ogni singola vittima, e soprattutto la sua limitazione alla sola patologia del mesotelioma.

    Sappiamo, difatti, che l’amianto provoca anche ulteriori patologie, come asbestosi, placche pleuriche e ispessimenti pleurici, con complicazioni cardiovascolari e cardiocircolatorie e altri tumori: polmonare; alla laringe e all’ovaio; tumori del tratto gastrointestinalefaringe, stomaco e colon.

    Da sempre, e sempre con maggior vigore, l’ONA e l’Avv. Ezio Bonanni sottolineano l’importanza della prevenzione delle malattie asbesto correlate. Prima fra tutte, quella primaria: è fondamentale evitare ogni tipo di esposizione ad amianto.

    Ovviamente, alla prevenzione primaria, si aggiungono la secondaria (diagnosi tempestiva e precoce), e terziaria (studio dell’epidemiologia).

    In seguito al costante e tenace impegno dell’ONA e delle altre associazione a tutela delle vittime dell’amianto, sono stati raggiunti importanti risultati.

    Le dichiarazioni del presidente ONA

    Riteniamo, quindi, che il Fondo Vittime Amianto debba essere, innanzitutto, integrato per coloro che sono vittime professionali. Che sia dignitoso anche per le vittime di esposizione ambientale e familiare, e non limitato ai soli casi di mesotelioma. Quindi, che si estenda a tutti i casi di patologie asbesto correlate e, soprattutto, senza che un’eventuale liquidazione di questo importo possa presupporre il venir meno del diritto alla rendita e/o al risarcimento dei danni”, dichiara il Presidente dell’ONA.

    L’Osservatorio Nazionale Amianto ringrazia il Presidente del Fondo Vittime Amianto, Dott. Giuseppe D’Ercole, per l’impegno assunto in materia di sensibilizzazione e di informazione. Inoltre, per permettere la liquidazione di importi residui, rispetto alla dotazione, in ragione dell’esiguità dei singoli indennizzi.

    In allegato la dichiarazione rilasciata dal Presidente del Fondo Vittime Amianto, Dott. Giuseppe D’Ercole, pubblicata sul notiziario ONA al sito https://goo.gl/2HepT8.

    RICHIEDI ASSISTENZA GRATUITA