24.2 C
Rome
lunedì, Ottobre 3, 2022

Fibromialgia, convegno a Roma sulla malattia invalidante

Letto: 365 volte

Ultimi articoli

La fibromialgia, malattia invalidante, ancora non riconosciuta in Italia, sarà al centro domani 11 maggio, di un importante convegno a Roma, nel salone d’onore del Coni. L’evento, che inizierà alle 9.30, è stato organizzato proprio in occasione della Giornata mondiale, che cade il 12 maggio. Il titolo è: “La Pastorale della salute e il Comitato fair play per la salute nello sport”.

Il Comitato nazionale italiano fair play si unirà alla Pastorale della Salute per la Diocesi di Roma, al Coni, al Comitato Paralimpico e a Sport e salute per affrontare una questione annosa per la quale ancora si attende il riconoscimento nel nostro Paese. Il disegno di legge, infatti, è fermo al Senato.

Il mondo dello sport è vicino in questo modo al mondo del dolore, alle tante persone che soffrono, come i pazienti affetti da fibromialgia, le vittime di amianto e di altri cancerogeni e i malati terminali assistiti dalla Pastorale della Salute.

Nasce la testata giornalistica “Diritto alla Salute”

L’incontro sarà anche l’occasione per la presentazione della nuova testata giornalistica dell’Osservatorio Vittime del dovere: “Diritto alla salute”, diretta dal giornalista Ruggero Alcanterini, commendatore al merito della Repubblica Italiana e Stella d’oro del Coni.

All’evento politici ed esperti

L’evento sarà moderato proprio da Alcanterini, presidente del Comitato nazionale italiano fair play. Alle 9.30 è previsto il saluto di Mons. Paolo Ricciardi, vescovo delegato per la Pastorale della Salute della Diocesi di Roma e a seguire quello di Don Carlo Abbate, direttore della Pastorale della Salute.

Interverranno poi Silvia Salis, vice Presidente del Coni e Vito Cozzoli, presidente di Sport e Salute. A seguire parlerà Andrea Costa, sottosegretario alla Salute e Alessio D’Amato, assessore alla Sanità della Regione Lazio. Sarà quindi la volta dell’onorevole Carmine Barbati, vice presidente dell’Assemblea Capitolina e di Roberto Valori, vice presidente vicario del Comitato Italiano Paralimpico.

Alle 10.50 Edith Aldama responsabile dell’Area Medica Pastorale della Salute – Diocesi di Roma, esporrà la sua relazione, prima dell’intervento di Andrea Cambieri, direttore Sanitario Policlinico Universitario Agostino Gemelli.

Continueranno ad approfondire il tema la professoressa Maria Antonietta D’Agostino, responsabile UOC Reumatologia Policlinico Universitario Agostino Gemelli. E Tiziana Frittelli, direttore Generale Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata. Interverranno anche Tonino Cantelmi, presidente Ordine dei Medici Cattolici – Direttore ITCI e Salvatore Cristiani, coordinatore del tavolo tecnico Salute nello sport del Ministero della Salute.

Chiuderà i lavori, anche per fare il punto sulla tutela giuridica delle vittime di fibromialgia (ai fini del riconoscimento dell’invalidità civile e di malattia professionale), l’avvocato Ezio Bonanni. Il presidente dell’Osservatorio nazionale amianto, che da anni si batte per le vittime dell’asbesto e per la tutela della salute e dell’ambiente.

Fibromialgia, non esiste ancora una cura

La fibromialgia è una malattia caratterizzata da dolori muscolari diffusi. Questi portano ad affaticamento, rigidità, problemi di insonnia, di memoria e anche alterazioni dell’umore.

Purtroppo non esiste ancora una vera cura per questo problema. Nonostante questo alcuni farmaci e un approccio mirato al rilassamento e alla riduzione dello stress possono aiutare ad alleviarne i sintomi.

Colpisce in particolar modo le donne. Può comparire in modo graduale e aggravarsi con il passare del tempo. Oppure essere scatenata da un evento come un trauma fisico, un’infezione o uno stress psicologico. Non si conoscono ancora le cause esatte. Secondo gli studiosi sarebbero una serie di fattori: genetici, infettivi, ormonali e psicologici. Sembra che il cervello, nei soggetti che ne soffrono, processi il dolore in modo alterato.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita