25.7 C
Rome
sabato, Giugno 15, 2024

Dal Cin, il suo corpo alla scienza per sconfiggere l’amianto

Letto: 521 volte

Ultimi articoli

Antonio Dal Cin donerà il suo corpo alla scienza. Il finanziere di Sabaudia che ha fatto della battaglia all’amianto la sua ragione di vita, dopo essersi ammalato di asbestosi, ha maturato questa importante decisione. Se la sua vita è stata sfortunata, segnata da una malattia che lo ha fortemente limitato, vuole, dopo la morte, lasciare un segno e aiutare altre persone.

Dal Cin donerà il suo corpo per la ricerca

Una decisione presa “per il bene dell’umanità”, ha detto, perché è stato privato, a causa dell’asbesto, anche del diritto di donare il sangue e gli organi, una volta passato a miglior vita. Dal Cin ha servito il suo Paese e, purtroppo, ha contratto l’asbestosi a causa dell’amianto respirato nei luoghi di lavoro.

Oggi giornata mondiale delle vittime dell’amianto

Oggi, 28 aprile, ricorre la Giornata mondiale delle vittime dell’amianto. Dal Cin, come tantissimi altri operai e appartenenti alle forze dell’ordine, ne fa parte. L’asbesto ha causato, infatti, una lunga scia di malattie e di morte, come spiega l’avvocato Ezio Bonanni ne “Il libro bianco delle morti di amianto in Italia – ed. 2022“.

Non solo asbestosi, ma anche il temuto mesotelioma, come il tumore del polmone e altre neoplasie. In 50 anni, nonostante se ne conoscesse la pericolosità, l’amianto è entrato nelle nostre case, nelle nostre scuole e nei nostri ospedali. Era presente nelle navi, negli aerei, utilizzato nelle Ferrovie. L’Italia lo ha messo al bando nel 1992, ma 30 anni dopo non siamo riusciti a liberarcene.

Per questo la Giornata mondiale è ancora più importante, per tenere alta l’attenzione su un killer che miete ancora le sue vittime. Il picco delle malattie è previsto tra il 2025 e 2030, ma aumentano i mesoteliomi ambientali.

Il presidente Ona insiste così con le bonifiche, una strada possibile per evitare nuove malattie. L’Ona ha realizzato anche una App per segnale i siti contaminati.

Dal Cin costretto a lungo percorso giudiziario

Il percorso di Dal Cin è simile a quello di tante vittime dell’amianto. Nonostante un’invalidità riconosciuta del 50% ha dovuto intraprendere un lungo percorso giudiziario, assistito dall’avvocato Bonanni, presidente dell’Osservatorio nazionale amianto, per ottenere un risarcimento. Dopo la condanna del ministero della Difesa a concedere quanto dovuto e a riconoscergli lo status di vittima del dovere ha maturato questa importante scelta.

Il finanziere gravemente provato nel corpo e nell’animo

Ha sofferto molto a causa della malattia e, forse, ancora di più a livello psicologico per la consapevolezza che potrebbe trasformarsi in una patologia ancora più grave. Ha visto tanti colleghi morire a causa dell’amianto e vuole dare il suo contributo affinché questo non accada più. Spera che la ricerca possa alleviare le sofferenze causate dalle patologie asbesto correlate, nella consapevolezza che i danni dell’amianto continueranno a manifestarsi ancora per decenni.

“Le mie condizioni di salute, – ha scritto pochi giorni fa al presidente Ona – destinate inevitabilmente a peggiorare, e per cui sono costretto ad assumere numerosi farmaci salvavita, non mi consentono di poter donare il sangue, come tanto avrei desiderato, e neanche gli organi in caso di morte. Ma questa condizione non mi impedisce di donare il mio corpo alla scienza per il bene dell’umanità, per la ricerca e la cura delle patologie da amianto, con conseguente accesso alla mia documentazione clinica.

Il suo corpo a disposizione anche ora, per cure sperimentali

In vita, mi rendo disponibile al fine di esperire attività di ricerca e sperimentazione, anche attraverso cure farmacologiche sperimentali per il trattamento dell’asbestosi, il controllo ed il monitoraggio di questa grave malattia, che quasi sempre evolve nel mesotelioma pleurico e/o in altre neoplasie ad esito infausto”.

“Sono sicuro – ha aggiunto consapevole che la sua scelta tocchi anche la sua famiglia – che mia moglie e i miei figli oggi minorenni, comprenderanno il mio gesto in nome del bene sacro della vita”. Dal Cin invita tutti quelli che possono a donare il sangue e anche a manifestare la loro volontà di donare, un giorno, gli organi. “Il mio è un segnale forte, rivolto a tutte le persone che possono donare. Anche gli organi: una scelta talvolta difficile da compiere, quando non è stata manifestata in vita la volontà da parte del paziente”.

Elevato il marcatore Antigene carcinoembrionario

Consapevole della necessità della ricerca per raggiungere risultati nel campo medico si dice pure “disponibile come spunto di studio da parte dei medici dell’Ona aps, tra cui il Dott. Pasquale Montilla per terapia chelante, disintossicante, avendo il marcatore tumorale Antigene carcinoembrionario (CEA) sempre elevato”.

Si tratta di una proteina fisiologicamente presente in alcuni tessuti del feto, la cui concentrazione diminuisce fino a livelli molto bassi dopo la nascita. Negli adulti i livelli ematici di CEA sono ridotti, ma possono aumentare nei soggetti affetti da alcuni tipi di cancro. È quindi un marcatore tumorale che, inizialmente, era considerato specifico per il cancro del colon. Tuttavia, successivamente è stato dimostrato che il suo aumento può verificarsi in vari tipi di tumore. Inoltre, il CEA può risultare aumentato in alcune condizioni cliniche non cancerogene.

Dal Cin scriverà il suo testamento biologico e lo depositerà presso un notaio, come prevede la legge. Il finanziere ha sempre sostenuto di voler lottare contro l’amianto, e per ottenere i suoi diritti, fino all’ultimo respiro. Ora guarda più in là, per il bene di tutti.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita