23.2 C
Rome
domenica, Luglio 21, 2024

Crollo di Matera, nella palazzina c’era amianto

Letto: 325 volte

Ultimi articoli

Crollo di Matera: nella palazzina che il 31 luglio scorso è venuta giù mentre gli operai erano a pranzo, c’era amianto. A riportare la notizia è la stampa locale.

Lo stabile che è crollato si trova in centro città. Nella palazzina erano in corso dei lavori di ristrutturazione, ed era disabitata. Quindi sul luogo del crollo di Matera ci sarebbero stati soltanto gli operai, ma per fortuna erano a pranzo in quel momento.

In Via Beccaria il 31 luglio erano accorsi Vigili del fuoco e forze dell’ordine per prestare soccorso e per tutti gli accertamenti del caso. La zona era stata evacuata. Per fortuna il cedimento non ha causato danni a persone e ad altri stabili.

Crollo di Matera, ordinata la bonifica del sito

crollo di matera

A distanza di circa due settimane, nei giorni scorsi il Comune di Matera ha emanato un’ordinanza con la quale si impone la rimozione dei detriti causati dal crollo.

Il vice sindaco, nell’atto, ha ordinato lo smaltimento delle macerie dello stabile, ma bisognerà fare particolare attenzione: sembra infatti che tra i detriti ci sia la presenza di amianto. Tale circostanza emerge dalle rilevazioni dell’Arpa. Il che rende tutto più complicato, ma soprattutto pericoloso per la salute. Dovranno quindi essere usate particolari accortezze durante i lavori di smaltimento.

L’amianto è infatti un cancerogeno ed è necessario che le fibre siano contenute, e non fatte volare. Bisogna impedire che raggiungano le persone, l’acqua, gli alimenti, per evitare che siano inalate o ingerite.

Nei giorni scorsi è stata intanto ripristinata la viabilità, mentre le macerie sono state raccolte in sacchi e coperte da un doppio telo.

ONA in Basilicata: assistenza e servizi di tutela amianto

L’Osservatorio Nazionale Amianto è presente nella regione della Basilicata con diverse sedi territoriali. Offre numerosi servizi di assistenza a tutti i cittadini esposti e vittime dell’amianto e di altri cancerogeni. Ci sono il servizio di assistenza tecnica, medica e di tutela legale; tra i vari servizi svolti si ricorda anche lo screening per i militari esposti ai metalli pesanti del 2022.

L’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto ed il suo presidente, avv. Ezio Bonanni, assistono tutti i cittadini ed i lavoratori esposti non solo all’asbesto, ma anche agli altri cancerogeni, nella regione Basilicata e in tutta Italia. Per informazioni chiama il numero verde gratuito 800.034.294.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita