21.8 C
Rome
giovedì, Maggio 26, 2022

Crisotilo Amianto, cos’è e perché è pericoloso?

Letto: 449 volte

Ultimi articoli

Il crisotilo è un minerale di amianto, che appartiene alla classe dei silicati di magnesio, sottoclasse fillosilicati, che appartiene al gruppo del serpentino. Tra i minerali di amianto o asbesto è il più estratto.

Il crisotilo (dal greco χρυσός= fibra d’oro) o amianto bianco-verde-grigio-giallastro, è un minerale, silicato idrato di magnesio, con formula 3MgO,2SiO,2H2O- n. CAS 12001-29-5.

L’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto, è l’associazione che assiste e tutela legale vittime dell’amianto. Tra gli amianti, vi sono anche i serpentini, in particolare, il crisotilo, anch’esso dannoso per la salute.

Tutti i cittadini che pensano di correre il rischio di esposizione ad amianto possono rivolgersi all’ONA e al suo presidente, l’Avvocato Bonanni, per chiedere assistenza medica e legale gratuita.

Consulenza Crisotilo

Indice

Tempo di lettura: 6 minuti

Crisotilo, che cos’è e come prevenire e risarcire i danni

Le fibre di crisotilo sono di lunghezza variabile, soffici e setose, con elevata resistenza meccanica e flessibilità. Questi minerali di amianto hanno una buona tenuta degli agenti alcalini, con una temperatura di decomposizione tra i 450-700°C, ed è di gran lunga il tipo di amianto più diffuso.

Estrazione e utilizzo dell’amianto e la messa al bando

In Italia si estrae dalle cave della Val Malenco in alta Valtellina (a fibra lunga e molto pregiato) e della Val di Susa.

In passato è stato utilizzato in migliaia di prodotti commerciali, per via delle sue proprietà fibrose, di incombustibilità e di bassa conducibilità termica. Si trovava nelle guarnizioni dei freni delle automobili, delle caldaie e nell’isolamento per tubi, condotti, nei tetti, nei soffitti, nelle pareti e nei pavimenti di case e aziende.

Nel 1992 furono prodotti circa 28 milioni di tonnellate di prodotti in cemento-amianto in circa 100 paesi.

Il crisotilo è pericoloso per la salute?

Cos’è l’amianto? L’asbesto è anche detto amianto e comprende una serie di minerali, tra cui il crisotilo. La sua natura fibrosa provoca gravi conseguenze sull’organismo umano.

Una vasta letteratura scientifica primaria conferma che l’amianto, incluso il crisotilo, provoca seri danni alla salute, su scala globale. Dalle esposizioni storiche così come attuali sul posto di lavoro, negli edifici pubblici come scuole e ospedali e in contesti non professionali come le abitazioni continua, infatti, a fare danni di enorme portata.

La differenze nella potenza relativa delle diverse forme di amianto nel causare la malattia non sono rilevanti: tutte causano la malattia. Infatti, anche il crisotilo, al pari degli anfiboli tra i quali la crocidolite e l’amosite, provoca danni alla salute umane.

Le fibre, comprese quelle di crisotilo, provocano prima di tutto delle infiammazioni e poi attivano il processo cancerogeno in diversi organi del corpo umano.

Crisotilo: tentativo di occultarne la pericolosità

Eppure le aziende produttrici hanno minimizzato i suoi effetti nocivi, sostenendo che, con le moderne misure di controllo, le esposizioni siano ridotte al minimo per tutto il ciclo di vita del prodotto e che il minerale non sia cancerogeno.

Ma le tesi dell’ONA sono state confermate dall’OMS, che chiaramente, ha precisato che tutti gli amianti compreso il serpentino amianto, dunque, il crisotilo, sono cancerogeni:

“All types of asbestos cause lung cancer, mesothelioma, cancer of the larynx and ovary, and asbestosis (fibrosis of the lungs). Exposure to asbestos occurs through inhalation of fibres in air in the working environment, ambient air in the vicinity of point sources such as factories handling asbestos, or indoor air in housing and buildings containing friable (crumbly) asbestos materials”.

Anche l’ultima monografia IARC conferma queste conclusioni. La scienza sul rischio di sviluppare malattie umane in seguito all’esposizione a qualsiasi forma di amianto, incluso il crisotilo, è dunque inequivocabile. Tanto è vero che la stessa OMS afferma che sono circa 107mila ogni anno i decessi di amianto nel mondo. In Italia sono più di 6000 le vittime amianto.

Le conclusioni dell’OMS sul danno amianto

A tal riguardo, una scheda informativa dell’OMS precisa che il crisotilo causa il mesotelioma che colpisce le diverse sierose. Poi ci sono gli altri tumori, tra cui quelli del polmone e ad altre vie respiratorie (laringe, faringe), quelli del tratto gastro-intestinale (esofago, stomaco e colon) e quello delle ovaie.

Il crisotilo è associato anche a fenomeni infiammatori come asbestosi malattia pleurica (asbesto fibrosi, versamento pleurico, placche pleuriche e ispessimento).

Se anche i luoghi di lavoro attuino misure in grado di ridurre al minimo il rischio di esposizione, utilizzando ferrei controlli, non si potrà impedire completamente l’esposizione, a meno che l’amianto non sia rimosso. L’esistenza o il riutilizzo di materiali contenenti amianto nelle abitazioni o luoghi di lavoro, mette a repentaglio l’intera comunità, perché c’è il rischio di propagazione delle polveri, e quindi, di esposizione, e dunque, di danni alla salute. Le catastrofi naturali (terremoti, uragani, tsunami e inondazioni) compromettono inevitabilmente qualsiasi approccio “controllato” al mantenimento di materiali contenenti amianto nell’ambiente costruito.

La situazione d’emergenza è illustrata dall’Avvocato Bonanni in “Il libro bianco delle morti di amianto in Italia-Ed.2021“.

Tutela legale vittime asbesto amianto

L’Osservatorio nazionale Amianto e l’Avv. Ezio Bonanni tutelano i cittadini dal rischio amianto crisotilo. Tutti i materiali di amianto sono cancerogeni. Oltre al crisotilo, vi sono altri minerali asbestiformi. Appartengono alla famiglia degli anfiboli anche la crocidolite e l’amosite. Sono tutti minerali di asbesto amianto. Amianto pericoloso è anche l’actinolide.

Le vittime che hanno subito l’esposizione professionale o ambientale a polveri o fibre di amianto, tra le quali quelle di crisotilo, hanno diritto alle prestazioni previdenziali e alle risarcimento di tutti i danni.

Amianto crisotilo: l’indennizzo INAIL malattia professionale

Le esposizione alle fibre di crisotilo provoca innanzitutto infiammazione. L’infiammazione è alla base dell’insorgenza delle placche e degli ispessimenti pleurici. Si tratta di patologie pleuriche, che spesso evolvono nel mesotelioma della pleura. Tra le patologie fibrotiche, quella più rilevante è l’asbestosi, che è la fibrosi del polmone.

In molti casi, poi, questo stato infiammatorio attiva un processo displasico e precanceroso, che dà origine, successivamente, a delle neoplasie.

Tutte queste patologie sono inseriti nella lista I dell’INAIL. L’INAIL riconosce e indennizza, oltre all’asbestosi, alle placche e agli ispessimenti pleurici, anche le malattie neoplastiche riconducibili all’esposizione ad asbesto, in particolare al crisotilo, che è il tipo di minerale che è stato maggiormente utilizzato in Italia.

Nella lista I dell’INAIL sono inseriti oltre ai mesoteliomi, quello della pleura, quello del peritoneo, quello del pericardio e quello della tunica vaginale del testicolo, anche altre neoplasie. Tra le neoplasie inserite nella lista I dell’INAIL, vi sono sia il tumore della laringe che il tumore delle ovaie. Queste neoplasie, al pari del tumore del polmone e dei mesoteliomi, devono essere sempre riconosciute e ottenere l’indennizzo INAIL o la rendita.

Infatti, il loro inserimento nella lista I realizza l’inversione dell’onere della prova, che è a carico dell’INAIL, che se non vuole indennizzare la patologie, ne deve dimostrare l’esclusiva origine extra-professionale.

Poi ci sono anche altri neoplasie come quelle della faringe, dello stomaco e del colon e, inserite nella lista due, e quella della trachea, inseriti nella lista III. Per queste ultime, l’onere della prova è a carico del lavoratore, e quindi, è ancora più importante il ruolo del medico legale, il quale deve ricostruire la condizione di rischio, redigere la prima certificazione, inoltrarla telematicamente e così da avviare il percorso di riconoscimento.

Asbesto crisotilo e Fondo Vittime Amianto

In caso di riconoscimento di danno provocato dalle fibre di crisotilo, come divertirsi altro tipo di minerale di amianto, per motivi professionali, la vittima oltre ad aver diritto all’indennizzo dell’INAIL, deve ottenere anche le prestazioni aggiuntive del Fondo Vittime Amianto. 

Benefici contributivi esposizione amianto crisotilo

I lavoratori esposti a fibre di crisotilo, al pari di tutte le altre forme di amianto, hanno diritto ai benefici contributivi per esposizione ad amianto. Le maggiorazioni contributive per esposizione ad amianto sono previste dall’articolo 13 comma 8 della legge 257 del 1992.

Questo diritto si sostanzia in un prepensionamento, nella misura del 50% del periodo di esposizione ultradecennale, e, per chi è già in pensione, anche nella rivalutazione della prestazione pensionistica in godimento.

Nel caso in cui un lavoratore sia stato esposto ad amianto, tra cui le fibre di crisotilo, ed abbia subito un danno alla salute, con il riconoscimento della malattia professionale, ha diritto sempre e comunque all’accredito delle maggiorazioni contributive per esposizione ad amianto ai sensi dell’articolo 13, comma 7, della legge 257 del 1992.

Il coefficiente, in questo caso è sempre 1,5, utile per il prepensionamento.

Pensione inabilità danni amianto crisotilo

Nel caso in cui, il lavoratore vittima di malattia asbesto correlata riconosciuta, con l’accredito delle maggiorazioni contributive amianto di cui all’articolo 13 comma 7 della legge 257 del 1992, non ha maturato il diritto a pensione, può chiedere sempre comunque di essere collocato in quiescenza.

Infatti, in alcuni casi, le vittime amianto, pur con l’accredito di queste maggiorazioni, non raggiungono i requisiti anagrafici e di anzianità contributiva, per essere collocati in pensione.

In questo caso, questi lavoratori, in seguito al riconoscimento, possono chiedere di essere collocati in prepensionamento, a condizione che abbiano un’anzianità contributiva di 5 anni di cui 3 negli ultimi 5 anni antecedenti la domanda amministrativa.

In particolare, questa prestazione pensionistica consiste nella pensione invalidità amianto, ai sensi dell’art. 1, co. 250, 250 bis e 250 ter, L. 232/2016.

L’INPS ha emanato la Circolare n. 34 del 2020, con la quale ha dettato le linee guida per il prepensionamento, pensioni inabilità INPS, per tutti i lavoratori che abbiano ottenuto il riconoscimento di una patologia asbesto correlata.

Per poter ottenere questo diritto, il lavoratore che ha ottenuto il riconoscimento dell’origine e professionale delle sue infermità per esposizione ad asbesto, dei presentare la domanda all’INPS entro il prossimo 31 marzo del 2022.

Qualora non si rispettasse questo termine la domanda verrà esaminata l’anno successivo, a partire da aprile. La pensione d’inabilità non è cumulabile con la rendita INAIL.

Il futuro del crisotilo e le soluzioni del problema

La nuova scienza dovrebbe pertanto essere orientata a:

  • comprendere il livello di esposizione associato al materiale contenente amianto in situ e rimuoverlo;
  • studiare i meccanismi alla base delle malattie legate all’amianto per migliorare le opzioni terapeutiche che riducano i devastanti effetti sulla salute dell’esposizione all’amianto nell’uomo e diminuiscano l’onere globale delle malattie correlate all’amianto;
  • sviluppare nuove soluzioni di smaltimento e bonifica dell’amianto atte a garantire una soluzione sostenibile a lungo termine.

Poiché esistono alternative sicure ed efficaci all’amianto, tra cui l’uso del fibrocemento, il cui impasto è additivato con fibre naturali o polimeriche, solo il divieto totale della pericolosa fibra potrà garantire la definitiva eliminazione delle malattie correlate all’amianto, ponendo altresì fine alla devastazione ambientale e territoriale.

Gli altri minerali di amianto anfibolo

Infatti, tra i minerali di amianto ci sono anche gli anfiboli. Questi ultimi sono i minerali di asbesto più lesivi per la salute. Il termine anfibolo per gli amianti fu coniato dall’abate René-Just Haüy nel 1801 e deriva dal greco ”amphiboles” che significa “ambiguo“.

Gli anfiboli appartengono al gruppo dei silicati che contengono calcio e magnesio e comprendono actinolite, amosite (amianto bruno), antofillite, crocidolite (amianto blu) e tremolite. Poi c’è l’altro gruppo comprendente il crisotilo (amianto bianco) che è un silicato di magnesio che appartiene al gruppo di amianto serpentino.

Le lavorazioni del minerale del crisotilo

Il crisotilo è stato utilizzato per i prodotti in eternit. Questo termine è il nome commerciale (dal nome di un’azienda produttrice) di un materiale costituito da cemento mescolato a fibre di amianto.

I prodotti in cemento amianto sono stati realizzati in Italia dalla multinazionale Eternit, che ne fu il maggior produttore. Il crisotilo fu impastato con il cemento, e utilizzato per la produzione di cemento amianto, detto eternit.

Solo in minima parte fu utilizzata la crocidolite e l’amosite. Il crisotilo era la componente di amianto di questi prodotti. In Italia fu la cava di amianto di Balangero il luogo di estrazione del minerale più utilizzato.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ti tutela

L’ONA, presieduta dall’avv. Ezio Bonanni, ribadisce la necessità della prevenzione primaria.  Questa forma di tutela è la più efficace perché prevede di evitare qualsiasi forma di esposizione  a tutte le fibre di amianto, compreso il crisotilo.  Solo in questo modo si  evita l’insorgenza di malattie asbesto correlate, in particolare, il mesotelioma. 

Inoltre offre assistenza medica e legale per la tutela delle vittime a 360°. È possibile richiedere la consulenza gratuita chiamando il numero verde o compilando il form.

Numero ONA Crisotilo
Whatsapp ONA Crisotilo

    - Advertisement -spot_img

    Numero verde ONA

    spot_img

    Chiedi assistenza gratuita