21.9 C
Rome
venerdì, Giugno 14, 2024

Crimini contro la natura, 4° attività più redditizia al mondo

Letto: 281 volte

Ultimi articoli

Il Wwf lancia l’allarme sui crimini contro la natura. Costituiscono, infatti, la quarta attività criminale più redditizia al mondo. Prima di questi il traffico di droga, la contraffazione e il contrabbando delle armi. Muovono 280 miliardi di dollari l’anno e non accennano a diminuire.

Crimini contro la natura, Wwf: “Fenomeno sottovalutato”

I numeri sono stati diffusi durante un workshop organizzato appositamente sul tema dal Wwf.

“C’è una diffusa sottovalutazione del fenomeno dei crimini contro la natura, che vanno derubricati da episodi isolati o locali. – ha detto Luciano Di Tizio, Presidente Wwf Italia – Bracconaggio e traffico di specie protette sono fenomeni criminali che hanno impatti gravi sulla biodiversità. Possono essere veicolo di diffusione di patologie e producono ingenti redditi. Wwf chiede banche dati efficienti e interconnesse, di potenziare il controllo sul territorio, indebolito negli ultimi anni con la dismissione delle polizie provinciali, e attività di formazione e sensibilizzazione, sia per il grande pubblico che per le forze di polizia e magistratura”.

Crimini contro la natura: le specie più a rischio

L’Italia è purtroppo un crocevia del traffico di specie protette e, in generale, dei crimini contro la fauna selvatica. I bracconieri catturano e uccidono passeriformi, aquile e falchi, ungulati, anatidi, uccelli limicoli, ghiri, anguille, lupi, orsi. In mare si pescano ricci di mare, datteri, pesce spada sotto taglia, squali, oloturie, coralli, bianchetti e tartarughe marine. Non si risparmiano nemmeno le specie vegetali protette, come le radici della genziana lutea, ricercata per farne liquori. Frequente è anche l’importazione di animali esotici o di loro parti come l’avorio, le corna di rinoceronte, la pelle di tigre o di leopardo.

Pochi processi terminano con una condanna

I carabinieri hanno comminato nel 2018 oltre 5 milioni e mezzo di euro di sanzioni (oltre 1 milione nel 2020). Tra il 2016 e il 2019 la Regione in cui sono stati denunciati più illeciti è la Lombardia con 5.256 denunce, seguita dal Veneto con 2.526 e dalla Toscana, con 2.247 denunce.

Il sistema di repressione di questi illeciti ha delle falle e incontra diversi ostacoli. In Italia tra il 41 e il 46% degli illeciti vengono archiviati prima del dibattimento, e fra il 38-50% vanno in prescrizione. Solo il 27% degli illeciti di natura arriva a condanna.

Non esiste una banca dati centralizzata sui crimini di natura. Chi uccide una specie protetta può cancellare dalla fedina penale il proprio crimine con soli 1.000 euro, e le sanzioni per i crimini contro gli animali selvatici sono bassissime. Anche sui controlli c’è ancora molto da fare, basti pensare che due terzi degli agenti di vigilanza sono volontari.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita