Remember una corte internazionale di giustizia ambientale?

Corte Internazionale Corte Internazionale

10 dicembre 2015

MENTRE OGGI A ROMA E’ INIZIATA “MED”, INCENTRATA SULLA COOPERAZIONE A LIVELLO EUROMEDITERRANEO, CHE SEGUE IDEALMENTE LA CONFERENZA IN VILLA SARSINA, AD ANZIO, DALLA COP21 DI PARIGI, ECCO UNA PROFONDA RIFLESSIONE DA PARTE DEL NOSTRO CORRISPONDENTE “AK KRONOS” , Alfonso Navarra.

Parigi 10 dicembre, ore 8,10

Come già sapete mi occupo da giorni per conto di Accademia Kronos dei negoziati ufficiali della COP 21, quelli che, da lunedì 7 dicembre, i ministri dell’ambiente, subentrati ai capi di Stato e di governo che hanno inaugurato la conferenza, tengono, con l’aiuto di 7.000 “sherpa” tecnici, nella “zona blu” di Le Bourget, presieduta in massa dalla Polizia.

Corte InternazionaleL’accordo di Parigi (verrà chiamato così) punterà a contenere il riscaldamento globale (temperatura media del pianeta Terra) nel limite di più 2 gradi celsius rispetto all’era preindustriale, cioè l’inizio 1800.
La presidenza francese della Conferenza, tenuta da Laurent Fabius, insiste che il documento che verrà varato venerdì 11 dicembre dovrà essere “vincolante”.

La Conferenza di Durban, nel 2011, aveva dato mandato ai negoziatori di incardinare “un protocollo, uno strumento giuridico, comunque un risultato avente forza di legge”, che, dopo l’adozione, dovrebbe essere ratificato dai 195 Paesi firmatari della Convenzione ONU per il clima (CCNUCC).

Non è questione semplice ed in parte, nel nostro piccolo, noi “disarmisti esigenti” abbiamo affrontato la problematica del diritto internazionale, dal punto di vista analogo del disarmo nucleare, nel Seminario italo-francese che abbiamo svolto, il 25 e 26 settembre, a Villarfocchiardo, in Valle Susa. Il problema per noi era: trattato o convenzione?

Qui a Parigi esistono analogie per il testo che verrà varato sul clima. Non importerà come verrà designato questo documento (si potrebbe anche chiamarlo Giuseppe!), l’essenziale sono le intenzioni che esprimerà di voler dar vita ad un effettiva legge internazionale.

Da questo punto di vista il nodo politico è come l’accordo dovrà essere presentato al Senato USA, la cui maggioranza repubblicana è, diciamola tutta, molto scettica sulle origini anche antropiche dell’effetto serra.

Se quello di Parigi verrà presentato come un “Trattato importante”, che pone base ad una nuova legislazione, allora il testo dovrà ottenere obbligatoriamente l’approvazione dei due terzi dei senatori americani. Ecco perché il segretario di Stato USA John Kerry si sbraccia a definire quello di Parigi un semplice accordo e non un trattato: vuole, per bypassare il voto del Senato, che sia classificato come semplice “executive agreement” che approfondisce la legislazione già esistente.

Gli accordi internazionali dal carattere vincolante esigono che gli Stati cedano una parte della loro sovranità: di conseguenza più un accordo è “ambizioso” e “vincolante” meno adesioni di Paesi ottiene. Qui viene fuori il dilemma: proporre un accordo vincolante taglierebbe fuori gli Stati Uniti, secondo emettitore di gas-serra dopo la Cina. Come risolverlo? I giuristi del circo di Parigi si stanno scervellando in proposito.

Il negoziatore americano, Todd Stern, ha parlato di “contratto ibrido” o di “accordo parzialmente vincolante”. Sarebbero proposti dei “vincoli a geometria variabile”.Le clausole vincolanti a priori sarebbero quelle relative alla trasparenza dei registri d’emissione dei gas-serra e a tutto ciò che dovrebbe misurare e verificare gli obiettivi che gli Stati si daranno per ridurre la CO2; non riguarderebbero in sostanza gli obiettivi stessi di riduzione, che andrebbero sotto lo statuto di impegni volontari.

Corte Internazionale

Non si adotterebbe insomma il “modello Kyoto” del 1997 che, appunto, gli USA non vollero ratificare. E che, a conti fatti, non ebbe un grande successo. Nella bozza attualmente in discussione, per quello che se ne sa, per certe proposizioni c’è la scelta tra il termine “shall” (si deve), o “should” (si dovrebbe), o “is invited to” (si è invitati a), che designano vari livelli di impegno. Pare che nella versione provvisoria sul tavolo gli “shall” si stiano moltiplicando. (Questo servirebbe a far cantare vittoria a WWF e simili).

Diamo per assodato che passi un testo “ambizioso”, ci sarebbe poi il problema della sua applicazione. Come dovrà essere recepito il trattato nelle legislazioni nazionali? Ci sarà un comitato internazionale per la sua gestione? Ci saranno meccanismi di controllo? e sanzioni effettive?

Ma non tira affatto aria di ambizioni eccessive stando alle dichiarazioni francesi che già mettono le mani avanti su quello che uscirà come prodotto finale. A cui si sta lavorando, da parte dei negoziatori, con ben quattro tavoli tematici: il finanziamento, la differenziazione, l’ambizione e le azioni pre 2020.

In ognuno di questi gruppi di lavoro dovrà essere tentato l’avvicinamento di divergenze notevoli. Il finanziamento del Nord al Sud del mondo (si è parlato di 100 miliardi di dollari all’anno) dovrà essere definito in termini di obbligo legale o di contribuzione volontaria?

L’obiettivo stesso del tetto dei 2 gradi di aumento è in discussione: c’è chi, come l’Australia e il Canada, sostiene gli 1,5 gradi rivendicati dai piccoli Paesi insulari minacciati dall’innalzamento dei mari. Ma, ammesso e non concesso che gli 1,5 gradi passino, avremmo con ciò risolto quello che Hermann Sheer, lo scomparso presidente di EUROSOLAR, ha definito “mininalismo organizzato alla base del circo delle Conferenze sul clima”?

Non è un problema sicuramente che si pongono le ONG che di questo circo sono parte integrante, presenti a Le Bourget con ben 10.000 osservatori. La sigla che più le rappresenta è il Climate Action Nework (CAN), che raggruppa 950 associazioni di livello mondiale.

Il CAN, ben addentro alle logiche mediatiche correnti, si fa notare per l’attribuzione, ogni giorno, di un “Premio Fossile”, che assegna di volta in volta ai Paesi che giudica più frenanti rispetto ad un “buon accordo”.

La lobby del CAN ha anche organizzato, ad inizio conferenza, una Festa presso il Players, un bar del 2° arrondissement, a cui hanno partecipato un migliaio dei delegati ufficiali presenti a Le Bourget.
Ogni inizio giornata il CAN tiene la sua riunione di coordinamento individuando le priorità di intervento e distribuendo i compiti di contatto ai gruppi membri che lavorano in modo indefesso con modalità manageriali.

A me viene in mente il nostro detto: “CAN che abbaia non morde”. Infatti questi amici corrono, si affannano, smanettano sui loro PC negli spazi ufficiali che l’ONU ha loro riservato… e pensare che tutto questo potrebbe essere per niente, dato che sovente capita che si usino le gambe al posto del cervello che latita.

Riflettiamo sul migliore accordo che potrebbe venire fuori dentro l’attuale impostazione: quote obbligatorie assegnate agli Stati per stare negli 1,5 gradi di aumento, 100 miliardi ai Paesi del Sud con contribuzioni obbligatorie, sistema del commercio delle emissioni ben regolato, verifica quinquennale su parametri correttamente focalizzati, etc.

Siamo sicuri che avremmo con tutto ciò salvato il clima che serve ad una dignitosa esistenza umana per i nostri posteri? Stando a quello che afferma la comunità scientifica (nella sua maggioranza, con distinzione tra i climatologi e i fisici) c’è da dubitarne.

Ed in ogni caso avremmo ritardato quella che è la presa di coscienza radicale da acquisire: non possiamo più permetterci di prorogare (sia pure transitoriamente) il “sistema fossile” che è garanzia non di crescita ma di catastrofe globale.

Crediamo che sopravvivere sia l’economia che l’equilibrio sociale degli USA (non stiamo parlando della Nuova Guinea!) se gli uragani come Katrina, invece di verificarsi annualmente, assumessero un ritmo mensile? E per le zone costiere sommerse dai mari potremmo parlare di “crescita”?

Sì, regaliamo pure 100 miliardi ai PVS mentre nel frattempo – e continuiamo così – ogni anno il pubblico sovvenziona con 500 miliardi di dollari l’economia fossile (di questo nessuno parla per i testi ufficiali di Parigi)!

Dovremmo fare un ragionamento analogo a quello da compiere sul nucleare: la deterrenza non è una polizza di sopravvivenza, ma la garanzia dell’Apocalisse, la certezza che prima o poi una guerra nucleare scoppierà.

Non serve una “transizione” che proroghi l’attuale sistema (con i suoi assetti di potere ed i suoi pessimi vizi), ma la “rivoluzione” del disarmo subito: è questa la ragionevolezza, non muoversi con piccoli passi non sapendo bene dove andare, ma imboccare subito la direzione contraria al precipizio verso cui lo spirito del gregge ci sta precipitando.

SUMMIT DI PARIGI ALLE BATTUTE FINALI

Siamo alle battute finali, il documento da votare tra oggi e domani è stato ulteriormente limato dalle sue 60 pagine è stato riportato a 48 pagine. In linea di massima sono tutti d’accordo ad incentivare l’uso delle energie rinnovabili, fino a raggiungere il 100% entro il 2030.

Purtroppo esistono ancora delle resistenze nell’uso senza limiti dei combustibili fossili, tra questi Paesi ci sono il Brasile, la Cina, l’India e

Corte internazionale

il Sudafrica. La delegazione più testarda di tutte resta l’India che non vuol rinunciare al suo uso smodato del carbone, la Cina invece è più disponibile, infatti ha già dichiarato che prevede di raggiungere entro il 2050 l’utilizzazione di fonti di energia rinnovabile per l’84% a danno dell’uso del carbone.

Il Brasile che ha i suoi pozzi di petrolio e di gas resta riluttante a non utilizzarli completamente, stessa cosa per il Sudafrica. Tuttavia al momento sono più di 100 delegati di altrettanti Paesi che sono pronti a firmare l’accordo per la riduzione graduale dei combustibili fossili.

Come risposta alla minaccia globale di ridurre l’acquisto di petrolio e gas dai Paesi produttori, l’OPEC continua a tenere basso il prezzo dei barili di petrolio al fine di disincentivare progetti capaci di soppiantare i combustibili fossili.

Tra meno di 48 ore si scioglieranno i nodi e si saprà se la COP21 di Parigi è stata un successo o l’ennesimo fallimento. Dai delegati delle Isole Marshall è partita la proposta , sostenuta da AVAAZ, di ”bombardare” di SMS i delegati delle 4 nazioni indecise e contrarie a schierarsi con il resto del mondo.

Ci è stato anche fornito l’indirizzo email su cui poter operare:
https://secure.avaaz.org/it/coalition_of_ambition_11/…

Ecuador insiste en la creación de una Corte Internacional de Justicia Ambiental

Cortesía: Presidencia de la República

A continuación la transcripción completa de la intervención del presidente de Ecuador, Rafael Correa, en la 21ª conferencia del clima (COP21): Ustedes señores Jefes de Estado recibirán toda la ponencia en sus escritorios.

En primer lugar, como presidente de la Comunidad de Estados Latinoamericanos y del Caribe (Celac) quiero expresar al presidente Hollande y al pueblo francés toda nuestra solidaridad por los atentados sufridos. La libertad, la igualdad y la fraternidad vencerán al terror, como lo demuestra esta cumbre.

Estimados amigos, el crecimiento económico ilimitado es indeseable e imposible. Es indeseable porque los aumentos del PIB por habitante, a partir de cierto umbral, no se relaciona con el sentimiento de felicidad de un pueblo, lo cual se conoce como la Paradoja de Easterlin, planteada hace más de 30 años.

Pero sobre todo, el crecimiento económico ilimitado es imposible. La tecnología y la eficiencia amplía límites, pero no los elimina. El efecto consumo domina al efecto eficiencia. El consumo de energía ha aumentado en una tasa de 2,5% anual entre los años 1971 y 2012.

La pregunta no es si podemos seguir creciendo, sino qué detendrá el crecimiento económico en el mundo: Una decisión concertadamentre los habitantes de la tierra o la reacción natural del planeta que convertirá en ese sueño de codicia tal vez en la peor pesadilla.

Y son responsabilidades comunes, pero diferenciadas. Un habitante de los países ricos emite 38 veces más CO2 que un habitante de los países pobres. Ello no quiere decir que no existan afectaciones ambientales ligadas a la pobreza, tales como erosión de suelos, falta de tratamiento de residuos sólidos, pero cabe indicar que esa contaminación de los pobres los golpea a ellos, localmente, no globalmente.

Además la eficiencia energética entre los países ricos y pobres es aún abismal y se ha incrementado de 4,2 a 5,1 veces entre 1971 y 2011. La ciencia y tecnología no tienen rivalidad en el consumo, en consecuencia entre más personas los utilicen mejor. Esa es la idea central de lo que en Ecuador hemos llamado la economía social del conocimiento. Por el contrario, cuando un bien se vuelve escaso o se destruye a medida que se consume -como la naturaleza, como los bienes ambientales- es cuando debe de restringirse su consumo para evitar lo que Garrett Hardin, en su célebre artículo de 1968, llamó la tragedia de los comunes.

La emergencia planetaria exige un tratado mundial que declare a las tecnologías que mitiguen el cambio climático y sus respectivos efectos como bienes públicos globales, garantizando su libre acceso. Por el contrario, esa misma emergencia planetaria también demanda acuerdos vinculantes para evitar el consumo gratuito de bienes ambientales.

Una respuesta es hacer vinculante al Protoclo de Kyoto y ampliarlo para compensar las emisiones netas evitadas, N por sus siglas en español. N son las emisiones que pudiendo ser realizadas no son emitidas o las emisiones que existiendo dentro de la economía de cada país son reducidas.

N es el concepto exhaustivo que se requiere para completar Kyoto, porque implica compensaciones por acción y abstención y engloba todas las actividades económicas que involucran la explotación, uso y aprovechamiento de recursos naturales no renovables.

Estos son incentivos para evitar flujos de emisiones, pero también existe una deuda ecológica que debe pagarse, aunque sobre todo no debe seguir aumentando. Y aquí una idea fundamental para cualquier debate sobre sostenibilidad: la conservación de países pobres no será posible si esta no genera claras y directas mejoras en el nivel de vida de su población.

El papa Francisco, en su reciente encíclica Laudato Sí, nos recuerda que los países en vías de desarrollo están las más importantes reservas de la biósfera y que con ellas se siga alimentando el desarrollo de los países más ricos. Incluso es necesario ir más allá y realizar la Declaración Universal de los Derechos de la Naturaleza, como ya lo ha hecho Ecuador en su nueva Constitución.

El principal derecho universal de la naturaleza debería ser el que pueda seguir existiendo por ser fuente de vida, pero también que pueda ofrecer los medios necesarios para que nuestras sociedad puedan alcanzar el Buen Vivir.

Aquí otra idea fuerza para evitar ciertos fundamentalismos: el ser humano no es lo único importante en la naturaleza, pero sigue siendo lo más importante. La principal respuesta para la lucha del cambio climático es, entonces, crear la Corte Internacional de Justicia Ambiental la cual debería sancionar los atentados contra los derechos de la naturaleza y establecer las obligaciones en cuanto a deuda ecológica y consumo de bienes ambientales.

Nada, planeta entero escúchenme, nada justifica que tengamos tribunales para proteger inversiones, para obligar a pagar deuda financiera, pero no tengamos tribunales para proteger a la naturaleza y obligar a pagar las deudas ambientales.

Se trata tan solo de la perversa lógica de privatizar los beneficios y socializar las pérdidas, pero el planeta ya no aguanta más. Nuestras propuestas se pueden resumir en una frase mágica: Justicia ambiental.

Pero como decía Trasímaco hace más de 2000 años en su diálogo con Sócrates: la justicia es tan solo la conveniencia del más fuerte. Muchas gracias y disculpen porque no pude presentar esta ponencia en menos de 5 minutos.

A cura del Dott. Ruggero Alcanterini direttore “L’Eco Del Litorale” ed editorialista di “Il Giornale sull’amianto”

I servizi di assistenza ONA

L’Osservatorio Nazionale Amianto – ONA Onlus e l’Avv. Ezio Bonanni tutelano i diritti di tutti i cittadini e lavoratori esposti e vittime dell’amianto e altri cancerogeni. L’associazione con il pool di tecnici, assiste i cittadini per la bonifica e messa in sicurezza dei siti contaminati (prevenzione primaria). In caso di esposizioni ad asbesto ed altri cancerogeni, si può chiedere il servizio di assistenza medica gratuita (prevenzione secondaria). L’ONA guida la ricerca scientifica in materia di mesotelioma ed altre patologie asbesto-correlate. Fermo il ruolo della prevenzione primaria, la diagnosi precoce, e le terapie più tempestive, assicurano maggiori chance di guarigione, ovvero di maggiore sopravvivenza a migliori condizioni di salute. L’ONA guida anche il pool di legali, per la tutela di tutti i diritti delle vittime di malattia professionale, tra cui quelle asbesto correlate, per il prepensionamento e l’adeguamento dei ratei pensionistici, con i c.d. benefici contributivi per esposizione ad amianto. Anche i lavoratori che sono ancora privi di malattia, hanno diritto ai benefici contributivi per esposizione ad amianto.

banner assistenza ona

RICHIEDI ASSISTENZA GRATUITA