21.9 C
Rome
giovedì, Maggio 26, 2022

Mesotelioma cura e tutela: libro dell’Avv. Ezio Bonanni

Letto: 179 volte

Ultimi articoli

Mesotelioma cura e tutela legale sono le finalità dell’Avv. Ezio Bonanni. Così la conferenza stampa presso la Regione Lazio, è l’occasione di presentazione del libro di cui è autore.

L’Avvocato è il presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto-ONA. Insieme tutelano le vittime di malattie asbesto correlate, che possono usufruire del servizio di consulenza gratuita legale e medica.

consulenza Mesotelioma cura e tutela legale
Indice

  • Mesotelioma: cura e assistenza medica

  • Tutela legale per le vittime del mesotelioma

  • Conferenza stampa: interventi dell’Avvocato Bonanni


  • Tempo di lettura: 6 minuti

    Mesotelioma tutela legale: manuale dell’Avv. Ezio Bonanni

    L’Avv. Ezio Bonanni, presidente Osservatorio Nazionale Amianto, durante la conferenza stampa di presentazione del 7.09.2017, ha ribadito l’importanza della prevenzione primaria

    Sono passati 3 anni, eppure la pubblicazione dell’Avv. Ezio Bonanni è sempre aggiornata:

    Tant’è vero che poi, lo stesso Avv. Ezio Bonanni, ha pubblicato “What can independent research for mesothelioma achieve to treat this orphan disease?”

    Linee guida per la cura del mesotelioma

    L’Avv. Ezio Bonanni ha riassunto anche le linee guida sulla terapia del mesotelioma. È il terribile cancro che continua ad uccidere circa 2.000 persone solo in Italia, come, peraltro, confermato nel VII Rapporto Mesoteliomi.

    I dati epidemiologici sono riportati in un’altra pubblicazione dell’Avv. Ezio Bonanni: Il libro bianco delle morti di amianto in Italia – Ed.2021

    Quindi le linee guida sulla cura del mesotelioma e sulla prevenzione del mesotelioma tumore amianto sono un’assoluta necessità.

    Tuttavia, le linee guida non bastano. Purtroppo, oltre alle terapie innovative del mesotelioma, è necessaria, prima di tutto, la prevenzione primaria. Infatti, le tesi dell’Avv. Ezio Bonanni di evitare ogni forma di esposizione, sono state confermate anche nel Consensus Report di Helsinki nella revisione del 2014.

    Infatti, le fibre di amianto sono cancerogene, come confermato dalla monografia IARC, anche con riferimento al crisotilo.

    Dunque, soltanto la prevenzione primaria è la chiave di volta per vincere la battaglia contro il mesotelioma. Questo lo ha detto a chiare note l’Avv. Ezio Bonanni nella sua pubblicazione. A tal fine l’ONA ha anche istituito l’App Amianto, per agevolare la segnalazione di siti contaminati da parte dei cittadini.

    Terapie specifiche per mesotelioma localizzato o avanzato

    Secondo il National Cancer Institute, per il mesotelioma maligno localizzato (stadio I) si effettua la resezione chirurgica, che comprende anche le strutture contigue per garantire ampi margini liberi da malattia. Se, però, il mesotelioma localizzato è intracavitario, si combina la chirurgia palliativa (pleurectomia e decorticazione), con la radioterapia postoperatoria.

    Invece il trattamento per il mesotelioma maligno avanzato (stadi II, III e IV) prevede, per arginare i sintomi, il drenaggio di versamenti, pleurodesi del tubo toracico o pleurodesi toracoscopica e la radioterapia palliativa.

    Inoltre si può sottoporre il paziente a:

    • resezione chirurgica palliativa, in casi specifici;
    • somministrazione di nivolumab e ipilimumab di prima linea;
    • chemioterapia di associazione di prima linea con cisplatino più pemetrexed, con o senza bevacizumab;
    • studi clinici multimodali.

    Generalmente, però, la terapia multimodale, che incorpora la chirurgia radicale (pneumonectomia extrapolmonare o pleurectomia radicale con decorticazione) con chemioterapia, somministrata con o senza radiazioni, si prende in considerazione per i pazienti con malattia limitata.

    Infine, si può scegliere anche la terapia intracavitaria, che prevede la somministrazione intrapleurica o intraperitoneale di agenti chemioterapici (cisplatino, mitomicina e citarabina).

    Mesotelioma: tutela e assistenza medica

    In caso di insorgenza del mesotelioma, la cura e la tutela legale, sono molto complicate. Innanzitutto, occorre trovare i centri specializzati nella cura. Infatti, i mesoteliomi, tra i quali quello della pleura (il più diffuso), sono curati solo in pochi centri specializzati.

    L’ONA ti guida nell’assistenza medica e nell’identificare il centro più specializzato, rispettivamente per il mesotelioma:

    Ci sono tecniche innovative, come quella del Prof. Marcello Migliore, che sono molto promettenti.

    Mesotelioma e tutela legale, della vittima e dei familiari

    La tutela legale della vittima e dei suoi familiari, è una delle funzioni specifiche dell’ONA, associazione di categoria e di questo giornale. Infatti, il notiziario dell’amianto, ovvero amianto news, è anche lo strumento per acquisire informazioni sull’andamento dei giudizi.

    Indennizzi INAIL per il mesotelioma

    Con riferimento ai casi di mesotelioma, è dovuto l’indennizzo INAIL. In più, oltre al mesotelioma, ci sono molte altre patologie asbesto correlate. In tutti questi casi, sono dovuti indennizzi e rendite.

    In più, sono dovute le prestazioni aggiuntive del Fondo Vittime Amianto, anche nel caso di mesotelioma ambientale.

    Benefici contributivi e prepensionamento mesotelioma

    Nel caso di riconoscimento di mesotelioma malattia professionale, sono dovuti anche i benefici contributivi, sulla base dell’art. 13, co. 7, L. 257/1992. Queste maggiorazioni contributive sono pari al 50% del periodo di esposizione, sia per il prepensionamento che per le rivalutazioni dei ratei.

    Le maggiorazioni amianto danno diritto al prepensionamento amianto. Tuttavia, in molti casi, pur con l’accredito di queste contribuzioni aggiuntive, non si matura il diritto a pensione.

    A questo punto, vi è la possibilità di poter chiedere la pensione invalidità amianto. Originariamente questa normativa era applicabile solo al mesotelioma, all’asbestosi e al tumore polmonare. Ora, invece, è riconosciuta a tutte le vittime amianto.

    Mesotelioma cura e tutela legale: risarcimento danni

    In più, la vittima di mesotelioma ha diritto al risarcimento del danno. Le prestazioni INAIL sono soltanto indennizzo. Vi è, quindi, il diritto all’integrale risarcimento.

    Nella pubblicazione dell’Avv. Ezio Bonanni, si precisa, infatti, che l’indennizzo risponde ad esigenze di garantire il reddito (previdenza). Invece, il risarcimento è l’integrale ristoro, compreso il danno biologico e quello patrimoniale.

    Infatti, questi danni, sono solo indennizzati dall’INAIL e non risarciti. In più, ci sono tutta una serie di pregiudizi che l’INAIL non considera, come quello morale ed esistenziale.

    Queste voci di danno, debbono essere considerate nella personalizzazione, nell’ambito di un processo di quantificazione sempre e comunque su base equitativa. Infatti, l’equità è un criterio fondamentale per la quantificazione dei danni, che debbono essere, però, sempre dedotti e dimostrati.

    Mesotelioma cura e tutela legale dei familiari

    Anche i familiari hanno diritto all’integrale ristoro dei danni, i danni iure proprio. In caso di decesso della vittima primaria, gli eredi, che di solito sono anche i familiari, hanno diritto alla liquidazione di quanto maturato dal congiunto.

    Mesotelioma cura e tutela legale: la conferenza stampa

    Molti i presenti all’incontro che hanno voluto rilasciare una testimonianza, familiari di vittime ma anche vittime stesse. Nel manuale redatto dall’Avv. Ezio Bonanni, è evidente che lo strumento è molto efficace per le vittime e i familiari. In questo modo, potranno districarsi nella giungla sanitaria e giudiziaria.

    Conferenza Stampa “Presentazione quaderno tematico ONA”

    Nella conferenza stampa moderata dalla Dott.ssa Fabrizia Nardecchia sono state presentate le linee guida ONA per la cura del mesotelioma e per le tutele previdenziali e il risarcimento dei danni.

    L’Avv. Ezio Bonanni risponde alle domande della Dott.ssa Fabrizia Nardecchia nel corso della conferenza amianto e mesotelioma sul rischio mesotelioma e altre patologie.

    Interviene la figlia di una vittima dell’amianto

    Vi è stata la testimonianza di un’orfana di un militare della Marina Militare Italiana che ha contratto mesotelioma per motivi di servizio.

    Sig.ra Sabbioni Mara, orfana di vittima del dovere, grazie all’assistenza legale dell’Avv. Ezio Bonanni, ha ottenuto dal Ministero della Difesa il riconoscimento di orfana di vittima del dovere e, unitamente alla madre, la liquidazione dell’assegno vitalizio, dello speciale assegno vitalizio e della speciale elargizione, ed ora agisce per avere la parificazione alle vittime del terrorismo e il risarcimento dei danni.

    Intervento di Nicola Panei, vittima dell’amianto

    Nicola Panei, componente del Comitato Direttivo Nazionale ONA, è intervenuto alla conferenza del 07.07.2017 presso la Regione Lazio organizzata dall’ONA.

    Ha risposto alle domande della Dott.ssa Fabrizia Nardecchia e descrive gli ambienti lavorativi in Aeronautica Militare, con esposizione ad amianto e altri agenti patogeni e cancerogeni.

    La parola a Michele Rucco, segretario ONA

    Il Dott. Michele Rucco, segretario generale dell’ONA, è intervenuto nel corso della conferenza del 07.07.2017, con una sintesi delle attività dell’ONA e dei suoi dipartimenti.

    Rischio amianto anche per i familiari delle vittime

    L’Avv. Ezio Bonanni chiarisce nel rispondere alle domande della Dott.ssa Fabrizia Nardecchia quali sono i siti a rischio e spiega come poter tutelare i diritti, ottenere il pensionamento anticipato e le maggiorazioni e rivalutazioni contributive per esposizione ad amianto.

    Quali sono le categorie lavorative a rischio?

    L’Avv. Ezio Bonanni spiega quali sono i siti a rischio e come poter tutelare i diritti, ottenere il pensionamento anticipato, le maggiorazioni e rivalutazioni contributive per esposizione ad amianto, ex art. 13 comma 7 L. 257/92 e art. 13 comma 8 L.257/92.

    Soltanto evitando le esposizioni ad amianto si possono evitare le patologie asbesto correlate. C’è un rischio anche per i famigliari dei lavoratori esposti ad amianto.

    Il diritto al risarcimento danni da amianto

    Ci sono, quindi, pesanti responsabilità dello Stato e degli enti pubblici. L’INAIL e l’INPS tentano sempre di negare i diritti ai lavoratori vittime dell’amianto e a coloro affetti da patologie asbesto correlate.

    L’Avv. Ezio Bonanni conclude i lavori della conferenza amianto e mesotelioma, affermando che tutti i lavoratori e cittadini esposti e vittime dell’amianto e loro famigliari hanno diritto anche al risarcimento dei danni. L’unico strumento veramente efficace è costituito dalla prevenzione primaria, e, cioè, evitare ogni forma di esposizione all’agente killer.

    Mesotelioma cura e tutela legale: assistenza ONA

    L’Osservatorio Nazionale Amianto ha istituito il servizio di tutela legale e assistenza medica online. Contatta l’associazione chiamando il numero verde o compilando il form.

    Numero Mesotelioma cura e tutela legale
    Whatsapp Mesotelioma cura e tutela legale

      - Advertisement -spot_img

      Numero verde ONA

      spot_img

      Chiedi assistenza gratuita