Cancro gastrointestinale: l’amianto può essere una delle cause?

Cancro gastrointestinale Cancro gastrointestinale

Il cancro gastrointestinale è uno dei tumori più diffusi in tutto il mondo e il Prof. Luciano Mutti oncologo e ricercatore ci spiega la correlazione tra esposizione e amianto.

S.O.S. tutela legale e medica cancro gastrointestinale

numero verde ona

assistenza vittime amianto grautita

Correlazione  tra amianto e cancro gastrointestinale

Il termine indica una serie di tumori situati nel sistema digestivo e nel tratto intestinale: il cancro del fegato, del pancreas, della cistifellea, del colon, il  tumore del retto e dello stomaco e i tumori dello stroma gastrointestinale (GIST). Sono circa 286.480 i nuovi casi segnalati ogni anno e oltre 147.090 i decessi provocati proprio da questa patologia tumorale.

I sintomi, spesso sottovalutati e non presenti nelle fasi iniziali (secondo il National Cancer Institute) , possono portare i pazienti a non recarsi immediatamente da un medico, riducendo la probabilità di diagnosi precoce e, di conseguenza, di curare in modo tempestivo il tumore. Questa caratteristica è simile ad alcune patologie asbesto correlate come il mesotelioma.
I sintomi dei tumori gastrointestinali includono sensazione di gonfiore dopo aver mangiato, indigestione, bruciore di stomaco, nausea e mal di stomaco.

L’ amianto può provocare il cancro gastrointestinale?

Secondo alcuni studi la relazione tra questo gruppo di patologie tumorali e le fibre di amianto è molto debole. Tuttavia, secondo ricerche più recenti, c’è un nesso causale tra amianto e cancro gastrointestinale. Nel 2005 fu pubblicato uno studio riguardante un gruppo di 726 guardiani del faro di Norvegia. Un sottogruppo di guardiani aveva ingerito acqua potabile contaminata dall’amianto.

I soggetti furono studiati per il rischio di cancro prima tra il 1917 e il 1967 e, successivamente, furono rivalutati tra il 1960 e il 2002. Il risultato? Il rischio di tumore allo stomaco era statisticamente elevato. Dunque ci può essere correlazione.

Altri studi sui lavoratori esposti alle fibre di amianto

I ricercatori, dopo aver analizzato più di 45 studi con i rispettivi dati sulla mortalità tra lavoratori esposti ad amianto e non esposti, hanno riscontrato una probabilità più alta, negli esposti, di contrarre un tumore allo stomaco. Il rapporto è stato pubblicato nel 1985.

Tuttavia alcuni studiosi rimangono dubbiosi nei confronti della correlazione tra amianto e cancro gastrointestinale. Secondo questo gruppo di ricercatori, sarebbero necessarie ulteriori ricerche e nuovi dati, prima di sostenere questa ipotesi. La cosa più importante, dopo aver notato questi sintomi, è sottoporsi ad una visita medica e agire in modo tempestivo dopo la diagnosi.

Le cure per il cancro gastrointestinale sono diverse in base alla posizione del tumore, alle dimensioni dello stesso e alle condizioni del paziente. 

Molto importante, è la prevenzione: evitare fumo, consumo di alcol, mantenere un’alimentazione sana in modo da prevenire l’obesità. Tutti questi, oltre alle fibre di amianto, sono fattori di rischio.

Tumore allo stomaco e gli altri agenti causali

Il tumore dello stomaco è causato anche da altri cancerogeni. Infatti nell’industria della gomma, sono utilizzati dei materiali e delle lavorazioni che sono cancerogene. Questi cancerogeni, inalati e ingeriti, attivano il processo infiammatorio, precanceroso, e successivamente provocano l’insorgenza del tumore dello stomaco. Questa neoplasia è provocata anche dalle radiazioni ionizzanti.

Queste condizioni di rischio risultano nella Lista I dell’INAIL. Per tali motivi, chi è stato esposto perchè ha lavorato nell’industria della gomma (GoodYear di Cisterna di Latina; Bridgestone di Bari, etc.), oppure è stato esposto a radiazioni ionizzanti, e si è ammalato di tumore del polmone, ha comunque diritto ad ottenere il riconoscimento professionale del tumore dello stomaco e l’indennizzo INAIL, a prescindere dalla presenza o meno dell’amianto.

Per questi motivi, il pool legale dell’ONA ha approfondito tutte le tematiche per la tutela più ampia di coloro che per motivi lavorativi sono stati esposti a cancerogeni e sono vittime di tumori dello stomaco. L’assistenza legale delle vittime del tumore allo stomaco, per amianto (Lista II, gruppo 6, codice 6.3), per coloro che operano nell’industria della gomma (Lista I, gruppo 6, codice 6.30), e radiazioni ionizzanti (Lista I, gruppo 6, codice 6.15).

Il percorso legale di assistenza delle vittime di tumore dello stomaco, risulta spiegato nella pagina di approfondimento:

RICHIEDI ASSISTENZA GRATUITA