-2.1 C
Rome
venerdì, Gennaio 21, 2022

Caso Dal Cin: fissata anche udienza al T.A.R.

Ultimi articoli

Lo aveva detto apertamente l’Avv. Ezio Bonanni del Foro di Roma, patrocinante in Cassazione e presso le Magistrature Superiori:

difenderò il finanziere Antonio Dal Cin in tutte le sedi di giustizia.

In data 13 marzo 2019 l’Avv. Ezio Bonanni deposita un ricorso al T.A.R. del Lazio che vede ricorrente Antonio Dal Cin.

L’ex militare della Guardia di Finanza in congedo, Vittima del Dovere, è gravemente malato a causa del servizio prestato nel Corpo.

Per questa ragione viene chiesto l’accertamento del diritto del ricorrente al risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali. Inoltre, Antonio ha diritto anche al risarcimento del danno biologico, professionale, esistenziale, morale e mobbizzanti.

Danni che applicando le tabelle del Tribunale di Milano, sono stati quantificati in € 1.631.568,50. Finalmente, è stata fissata l’udienza al T.A.R. del Lazio in data 09 febbraio 2022 alle ore 11:45.

Appresa la notizia, Antonio Dal Cin così commenta:

Ancora una volta, ripongo piena fiducia nella magistratura, affinchè in tempi ragionevoli, attraverso la corposa documentazione depositata, sia fatta giustizia.

Un legame indissolubile quello tra Antonio e l’ONA

Antonio Dal Cin è da anni accanto all’ONA e al fianco delle vittime amianto che condividono il suo triste destino.

Nonostante ciò non ha mai smesso di credere nell’associazione e nell’impegno del suo Presidente. Difatti, Antonio resta fermamente convinto che l’ONA ed il suo Presidente Avv. Ezio Bonanni, sosterranno ancora una volta la sua battaglia.

L’ex finanziere, fedele al giuramento prestato, quando era ancora in servizio, con grande coraggio e determinazione, grazie al sostegno dell’Avv. Ezio Bonanni, è riuscito a far mappare e bonificare dall’amianto tutte le caserme della Guardia di Finanza.

Antonio ha così contribuito anche alla bonifica degli elicotteri del Corpo dal micidiale cancerogeno.

Oggi, la Guardia di Finanza, deve essere presa quale esempio da seguire da parte delle Forze Armate e di quelle di Polizia.

Purtroppo, per chi ha subito esposizioni pregresse all’amianto, non è possibile porvi rimedio. Tuttavia, grazie all’impegno dell’ONA e di Antonio Dal Cin possiamo dire che decine di migliaia di finanzieri sono stati così sottratti all’esposizione.

Leggi tutti i dettagli del caso Dal Cin.

L’appello per il Comparto Sicurezza e Difesa

Antonio ha poi rinnovato il suo appello affinchè il Comparto Sicurezza e Difesa, i loro Vertici, di concerto con le Istituzioni, seguano l’esempio del glorioso Corpo della Guardia di Finanza.

Guardia di Finanza: un valoroso esempio da seguire

La Guardia di Finanza è il Corpo più antico per storia e tradizione. Infatti, le sue origini risalgono all’ottobre 1774, quando venne costituita la “Legione Truppe Leggere” per volere di Vittorio Amedeo III, Re di Sardegna.

Fu il primo esempio in Italia di un Corpo speciale istituito per il servizio di vigilanza finanziaria ai confini, oltre che per la difesa militare.

Per maggiori dettagli ti invitiamo a consultare il sito ufficiale.

In conclusione, possiamo affermare che l’obiettivo di Antonio Dal Cin è quello di liberare tutto il comparto Sicurezza e Difesa dall’amianto.

Liberando i siti contaminati dall’amianto, anche chi è detenuto nelle carceri per scontare una pena. Lo scontare una pena non può essere tramutata in una condanna a morte attraverso le fibre di amianto.

Per ulteriori informazioni sull’amianto nelle carceri leggi – Amianto nelle carceri: la pena di morte concessa in Italia.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita