Amianto, da rifiuto a risorsa. L’idea di Microwaste: trasformare l’amianto in materiale edile. Intervista a Fabio Desilvestri, Amministratore Delegato di Microwaste e volontario ONA.

L’Osservatorio Nazionale Amianto vuole segnalare questa iniziativa nel campo della bonifica dall’amianto, da parte della Microwaste S.r.l., società che sviluppa macchinari innovativi per il trattamento dei rifiuti. Si tratta di una start up di I3P, l’incubatore universitario italiano di Torino, attualmente in fase di sperimentazione industriale e non ancora commerciale, che si concentra sui rifiuti contenenti amianto trasformandoli in un materiale sicuro.

Il trattamento termico elimina completamente la cancerogenicità dell’amianto stesso, generando una materia prima secondaria, non nociva per l’uomo e per l’ambiente.

Tale tecnologia è strategica. Da un lato, il Parlamento europeo ha auspicato l’impiego di metodi alternativi alla discarica per la gestione dell’amianto; dall’altro, all’attuale ritmo di rimozione, si prevedono almeno altri 80 anni per ottenere la completa rimozione di questo pericoloso rifiuto dai luoghi di vita e di lavoro.

Questa nuova realtà  nasce da un’idea di Fabio Desilvestri, 34enne, componente del Comitato Tecnico Scientifico ONA dal 2015, per risolvere il problema dei rifiuti contenenti amianto, in modo ecologico.

“Mi complimento con il giovane Fabio Desilvestri, molto attivo in ONA Piemonte, un territorio che costituisce l’epicentro del dramma dell’amianto. Ricordo che proprio a Casale Monferrato, e nelle città limitrofe, vi è la più alta incidenza di mesoteliomi, tumori polmonari, alla laringe, faringe, esofago, fegato, colon e all’ovaio e per non parlare dell’asbestosi, placche pleuriche ed ispessimenti pleurici e le complicazioni cardio-vascolari. Ritengo che soltanto con la bonifica si possa realmente realizzare la prevenzione primaria che è l’unico strumento per battere le patologie asbesto correlate ed è quindi eccellente il lavoro di Fabio, che noi sosteniamo, fermo restando che l’Associazione ha carattere non lucrativo.”, dichiara l’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto.

Il metodo converte i rifiuti contenenti amianto in un materiale sicuro mediante impianti mobili. Il processo di inertizzazione consiste nel riscaldamento ad alte temperature dell’amianto (1000-1500 °C), che ne modifica completamente la sua struttura chimica e lo rende innocuo per l’uomo e l’ambiente. Tale trattamento permette di eliminare completamente la cancerogenicità di questo materiale generando una materia prima secondaria, che, aggiunta al cemento, crea uno speciale composto da costruzione con proprietà simili al cemento pozzolanico.

Tra i riconoscimenti ottenuti:

  • Finalista, StartCup Piemonte Valle D’Aosta 2016
  • Menzione Speciale “Innovazione Sociale”, StartCup Piemonte Valle D’Aosta 2016
  • Azienda ospitata presso l’Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino (I3P)
  • Audizione presso la Commissione Ambiente del Senato (27/4/2017)
  • Partecipazione in qualità di relatore al Convegno “Sviluppo economico e piano industriale” presso la Sala della Protomoteca, Campidoglio, Roma (23/5/2017)
  • Azienda Selezionata per il Climate-KIC Accelerator Italy 2017, la più grande iniziativa europea sull’innovazione climatica
  • Partecipazione in qualità di relatore a “Research to Business 2017 – SMAU”, 12° Salone della Ricerca Industriale e delle Competenze per l’Innovazione

Come è nata quest’idea di Microwaste?

Conosco da tempo i problemi generati dall’amianto, sia per esperienza professionale che di volontariato con l’Osservatorio Nazionale Amianto. Sono entrato in contatto con il Prof. Ryszard Parosa, scienziato polacco, che aveva collaborato allo sviluppo di una tecnologia per il trattamento dell’amianto. Ho quindi proposto a lui e ai suoi soci di occuparmi dell’industrializzazione della tecnologia, da lì ne è nata rapidamente un’interessante collaborazione.

Cos’ha di particolare questo impianto di Microwaste?

La particolarità del nostro impianto è la sua mobilità: può essere installato presso il cantiere di bonifica, favorendo quindi una filiera corta di smaltimento. La tecnologia è già stata testata all’estero e ne è stata verificata l’efficacia.

Qual è il vostro obiettivo?

Quello di dimostrare agli Enti italiani l’efficacia del trattamento sul campo, e non solo a parole, attraverso una specifica sperimentazione.

Da chi siete stati affiancati?

Il supporto principale lo abbiamo ricevuto da I3P, Incubatore di Imprese Innovative del Politecnico di Torino; in particolar modo siamo stati supportati dall’Ing. Leo Italiano, Business Coach presso I3P. La fase di selezione per poter accedere all’Incubatore è stata impegnativa, ma ne è certamente valsa la pena. Altro valido affiancamento è stato ricevuto dal programma “Mentoring for International Growth” della Camera di Commercio di Torino: grazie al loro supporto stiamo lavorando attivamente alla nostra internazionalizzazione.

Che tipo di riscontro pensate di avere da parte del pubblico?

Abbiamo già avuto davvero un ottimo riscontro, anche perché il problema ambientale è sempre più nella coscienza dei cittadini, per fortuna.

Quale tipo di supporto credete sia opportuno per la prosecuzione di successo di una startup?

Supporto istituzionale relativamente agli aspetti normativi. Può capitare infatti che un determinato progetto innovativo trovi ostacoli a causa di un “grigio” normativo su quella specifica materia, lasciando l’Imprenditore impotente.

Nota tecnica, informativa ed esplicativa di assistenza medica e legale dell’Associazione:

L’Osservatorio Nazionale Amianto assiste, rappresenta e difende i lavoratori e cittadini esposti e vittime dell’amianto, e i loro familiari.

Per maggiori informazioni, e per poter chiedere assistenza tecnica, medica e legale puoi accedere al sito istituzionale dell’Osservatorio Nazionale Amianto  al link https://osservatorioamianto.jimdo.com/.

Potrai così acquisire tutte le informazioni e i riferimenti delle sedi territoriali, e ti potrai rivolgere direttamente alla presidenza nazionale, anche per richiedere assistenza medica e legale, anche per permettere ai lavoratori esposti ad amianto di accedere al prepensionamento con l’accredito dei benefici contributivi ex art. 13, comma 7 e comma 8, della Legge 257/92 (per poter accedere a questo diritto è sufficiente consultare la relativa sezione del sito dell’Associazione al link  https://osservatorioamianto.jimdo.com/assistenza-legale/modalit%C3%A0-per-ottenere-i-benefici-contributivi-amianto-comma-7-e-comma-8-art-13-l-257-92-17/).

Per poter chiedere l’assistenza medica e legale è sufficiente inoltrare una richiesta all’indirizzo e-mail:

osservatorioamianto@gmail.com

Per maggiori informazioni, sul diritto al risarcimento dei danni e per un parere legale, il Presidente dell’Associazione, l’Avv. Ezio Bonanni, può essere contattato inoltrando una richiesta all’indirizzo e-mail:

avveziobonanni@gmail.com

L’Avvocato Ezio Bonanni, Presidente ONA,  vi risponderà e vi fornirà del tutto gratuitamente tutte le informazioni richieste.

Il Presidente, Avv. Ezio Bonanni,  può essere contattato anche telefonicamente al n. 0773/663593 e fornirà ogni ulteriore chiarimento si rendesse necessario.

Leave a Comment

Your email address will not be published.