Amianto: Di Maio puoi fermare la strage

Accorato appello del finanziere Dal Cin al Vicepresidente del Consiglio Di Maio che ha tutti i poteri per tutelare le vittime dell’amianto nei luoghi di lavoro.

Di Maio e il Movimento 5 Stelle hanno ottenuto un forte consenso elettorale dichiarando di voler governare con il cambiamento e soprattutto hanno sempre sostenuto di voler tutelare le vittime, prime fra tutte quelle dell’amianto e per questo hanno raccolto un enorme consenso elettorale.

Sono ormai trascorsi mesi dall’insediamento del nuovo Governo eppure tutto tace dalle autorità governative in ordine alla tutela delle vittime dell’amianto. Le vittime amianto infatti hanno trovato autorevole sostegno da parte dell’On.Le Luigi Di Maio nel corso della precedente legislatura tanto che il nuovo corso elettorale ha spazzato via le vecchie cariatiti che erano rimaste inerti rispetto al tema amianto e alla tutela del lavoro.

Di Maio

Ora che il Movimento 5 Stelle e il Presidente del Consiglio e lo stesso Vicepresidente On.Le Di Maio hanno il governo del Paese insieme con la Lega, le vittime dell’amianto rimangono in fiduciosi. 

«Non mi rimane molto da vivere perché la fibra killer sta per colpire ancora: i valori dei marcatori cancerogeni e l’affaticamento del mio cuore mi rendono ormai un morto che cammina, sta per suonare la mia campana. Per questo motivo, proprio perché non ho molto tempo mi rivolgo al Ministro Di Maio perché realizzi il Programma di Governo, in particolare la bonifica dei luoghi di vita e di lavoro dove è presente amianto, per la tutela dei cittadini, tutti. Vorrei un mondo migliore senza cancro e con l’amianto sconfitto, in modo che la fibra assassina non possa uccidere ancora» – dichiara Antonio Dal Cin, finanziere eroe della lotta contro l’amianto e malato di asbestosi.

Le vittime dell’amianto nutrono forte fiducia nel Ministro Di Maio e sono convinte che manterrà le promesse elettorali, in particolare per quanto riguarda la tutela dei lavoratori e delle vittime amianto. 

Focus di approfondimento: I NUMERI DELLA STRAGE

L’amianto è un killer silenzioso cancerogeno che provoca con assoluta certezza scientifica mesotelioma, tumore del polmone, tumore della laringe, dello stomaco e del colon. Per non parlare dei danni respiratori che causa, anche quando non insorge il cancro (placche pleuriche, ispessimenti pleurici, asbestosi e complicanze cardiocircolatorie):

  • 900 diMesotelioma;
  • 600 per Asbestosi;
  • 600 per Tumori polmonari.

L’amianto provoca anche altre patologie neoplastiche (il tumore della faringe, della laringe, dello stomaco, delle ovaie e del colon retto.

Spesso possono bastare anche esposizioni non elevate per provocare l’insorgenza del mesotelioma e delle altre patologie tumorali asbesto correlate.

Il picco di mesoteliomi e di altre patologie asbesto correlate si verificherà tra il 2025 e il 2030 e poi inizierà una lenta decrescita.

In Italia, ci sono ancora 40 milioni di tonnellate di materiali contenenti amianto, di cui 33 milioni di amianto compatto ed 8 milioni di tonnellate di amianto friabile.

Ci sono un milione di siti contaminati con amianto, di cui almeno 50mila siti industriali, e

40 siti di interesse nazionale 

Leave a Comment

Your email address will not be published.