20.1 C
Rome
lunedì, Maggio 20, 2024

La lotta all’amianto riparte dalla Campania, convegno a Salerno

Letto: 443 volte

Ultimi articoli

Domani, a Salerno, si terrà il convegno organizzato dall’Osservatorio nazionale amianto: “La lotta contro l’amianto riparte dalla Campania”. L’avvocato Ezio Bonanni, presidente Ona, tornerà a Salerno dopo 11 anni per fare il punto sulla questione asbesto. L’appuntamento è per le 9.30 presso il Salone dei Marmi. L’incontro si protrarrà fino alle 13.

Salerno, il vicepresidente della Regione presente all’evento

L’uso imponente che si è fatto dell’amianto in Campania, come in altre regioni, dove si registrano ancora molti siti contaminati e i rischi per la salute dei cittadini saranno al centro del dibattito presieduto dall’avvocato Bonanni. Parteciperanno il vicepresidente della Regione Campania e assessore regionale all’Ambiente, On. Fulvio Bonavitacola, l’assessore alle Politiche sociali e giovanili del Comune di Salerno, Paola De Roberto e il Presidente emerito dell’Ordine degli avvocati di Salerno, Americo Montera.

Salerno, tutti i relatori del convegno

Per approfondire il nesso causale tra l’esposizione all’amianto e le patologie asbesto correlate interverrà il professore di medicina legale dell’università degli Studi del Sannio – Benevento, Giuseppe Vacchiano. Sarà poi la volta del docente di mineralogia all’Università di Napoli Federico II e membro del comitato tecnico scientifico dell’Ona, Renato Sinno e degli avvocati Marcello Mascolo, Marco Siniscalco e Stefano Salimbene, per fare il punto sulla nuova giurisprudenza sul tema amianto. Tra i relatori anche il segretario generale Asso.Impre.Di.A, Alberto Patruno.

L’evento prevede l’attribuzione di 3 crediti professionali riconosciuti dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Salerno, che ha concesso il patrocinio all’evento, come anche il Comune.

Amianto in Campania, ancora troppi edifici contaminati

È nota la problematica del fenomeno amianto, utilizzato in Italia fino alla sua messa al bando con la Legge 257/1992. Il minerale è stato utilizzato in diversi settori. Primo tra tutti l’edilizia, motivo per cui moltissimi edifici, pubblici e privati, sono ancora contaminati. L’Ona da anni assiste le vittime dell’amianto e si batte affinché si portino avanti le bonifiche. Questo è l’unico modo per evitare nuove malattie e nuovi decessi. Tra queste ricordiamo il mesotelioma, ma sono davvero molte. Tutte le informazioni si possono trovare nell’ultima pubblicazione dell’avvocato Bonanni: “Il libro bianco delle morti di amianto in Italia – ed. 2022“.

In Campania, come in altre regioni, dell’amianto si è fatto un uso imponente. Già nel 2012 durante l’ultimo convegno Ona organizzato sul territorio: “Il cuore di amianto della Campania”, era stato posto l’accento sulle criticità. Ora si cercherà di capire i passi avanti fatti, ma soprattutto cosa ancora c’è da fare per fermare la strage silenziosa.

- Advertisement -spot_img

Numero verde ONA

spot_img

Chiedi assistenza gratuita