Il Presidente ONA lancia l’allarme amianto in Umbria

Presidente ONA Presidente ONA

Ezio Bonanni, Presidente Osservatorio Nazionale Amianto esprime soddisfazione per l’intervento del coordinatore regionale di Cambiamo Umbria, Aldo Tracchegiani, che ha richiesto “mappature e contromisure urgenti”.

Come Ona, in più occasioni, abbiamo richiesto interventi e mappature per la tutela dei cittadini”. Afferma  l’Avv. Ezio Bonanni, che lancia l’allarme epidemia di patologie asbesto correlate in Umbria. 

“Solo nel 2018 ci sono stati 30 casi di mesotelioma e 50 di cancro del polmone, per la sola esposizione ad amianto. Inoltre, 30 casi di asbestosi ed oltre 100 casi per tumore delle ovaie, laringe e altri organi del tratto respiratorio e gastrointestinale. Il tutto con un indice di mortalità, tenendo conto di tutte le patologie, di circa 120 persone”.

Amianto Umbria: Tutela legale e assistenza medica

Chiama il numero verde, contattaci su Whatsapp o compila il form per ricevere assistenza gratuita.

WhatsApp-numero-onapng

    Amianto in Umbria: plauso dell’ONA per Aldo Tracchegiani

    Dati – prosegue il presidente ONA – in linea con le già allarmanti rilevazioni del 2017, mentre il Registro Mesoteliomi è fermo al 2015 (VI Rapporto). Come Osservatorio Nazionale Amianto siamo pronti a livello nazionale e regionale a sostenere questa battaglia a tutela dei cittadini. Vogliamo ottenere risposte in merito ad un silenzio durato troppi anni. Per questo invitiamo le istituzioni a intervenire in modo deciso”.

    La mobilità ONA in Umbria

    L’Osservatorio Nazionale Amianto, in Umbria, fin dal 2008, ha svolto attività di assistenza tecnica, medica e legale in favore dei cittadini e lavoratori esposti ad amianto. Attraverso lo sportello amianto on-line regione Umbria ONA ONLUS, sono stati assistiti, nel corso degli anni, più di 1000 cittadini umbri. Anche l’attività del coordinatore regionale Dott. Niccolò Francesconi, e di tutto il gruppo dirigente locale, ha agito in perfetta sintonia con la presidenza dell’associazione.

    Presenza di amianto negli stabilimenti Thyssenkrupp di Terni

    Già nel luglio 2016, in occasione di una seduta della seconda Commissione, presieduta da Eros Brega, per un’audizione con il direttore generale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, Paolo Pennesi e con il presidente dell’Osservatorio sulla questione relativa alla:

    “Presenza di amianto all’interno degli stabilimenti Thyssenkrupp di Terni e Sgl Carbon di Narni. Possibilità di anticipato ritiro dal lavoro a beneficio delle maestranze per lungo tempo esposte a tale materiale”, sollecitata da un’interrogazione dei consiglieri regionali Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari, Bonanni aveva sottolineato “la sussistenza di ulteriori siti a rischio amianto, in particolare le Officine Grandi Riparazioni di Foligno presso le quali il personale delle Ferrovie dello Stato era stato esposto ad amianto con conseguente fenomeno epidemico di patologie asbesto correlate anche tra i ferrovieri”.

    Presidente ONA
    ONA Umbria

    Mancato riconoscimento benefici amianto Ferrovie dello Stato

    Nei successivi interventi, il presidente ONA ha denunciato anche il mancato riconoscimento dei benefici amianto ai lavoratori delle Ferrovie dello Stato in Umbria, come condizione generalizzata estesa anche ai siti Thyssenkrupp di Terni e Sgl Carbon di Narni, e con richiesta dell’Osservatorio Nazionale di emissione di atti di indirizzo governativi diretti all’INAIL, per ottenere il riconoscimento dei benefici amianto in favore dei lavoratori esposti.

    Speriamo che la Regione Umbria, finalmente, accolga la richiesta di ONA, e al pari del Governo nazionale si possa giungere a definire la vertenza amianto in Umbria, in caso contrario proseguiremo le nostre azioni di sensibilizzazione e di mobilitazione nel territorio, così come nel resto d’Italia”, conclude.

    RICHIEDI ASSISTENZA GRATUITA