Chi siamo

CHI SIAMO


O.N.AL’Osservatorio Nazionale sull’Amianto – ONA Onlus, è un’associazione di utilità sociale iscritta all’anagrafe delle ONLUS dell’Agenzia delle Entrate, con protocollo 79949 del 06.12.2010; accreditata dal Ministero della Salute nell’Elenco in rete del volontariato della salute; iscritta al n. 1525 del Registro dell’Associazionismo della Regione Lazio con determina n. B00688 del 26.02.2013; iscritta al n. 852 dell’Albo delle Associazioni della Provincia di Roma con determina n. 1849 del 22.04.2013 e ha sede legale in Roma, Via Crescenzio, n. 2 – 00193 (Codice Fiscale: 97521310587 – Coordinate IBAN: IT67L 06230 14700 000040027069), di cui è Presidente l’Avv. Ezio Bonanni.


Rappresentiamo, assistiamo e tuteliamo tutti i cittadini e i lavoratori, esposti e vittime amianto e i loro famigliari per l’epidemia di patologie asbesto correlate e per tutelare coloro che, purtroppo, sono stati già esposti alla fibra killer.

Diffondiamo la cultura della prevenzione attraverso:

  • il bando mondiale dell’amianto e la bonifica di tutti ambienti di vita e di lavoro affinché si ponga fine alle esposizioni di amianto e le patologie asbesto correlate possano essere definitivamente sconfitti(prevenzione primaria);

 

  • la sorveglianza sanitaria per tutti i cittadini e lavoratori esposti ad amianto e ad altri cancerogeni al fine di rendere possibile la diagnosi precoce di eventuali patologie asbesto correlate, garantendo così cure tempestive con maggiore efficacia e possibilità di guarigione (prevenzione secondaria);

 

  • la tutela previdenziale e risarcitoria dei lavoratori esposti e vittime dell’amianto e ad altri cancerogeni per il loro prepensionamento, la liquidazione della rendita INAIL reversibile ai loro famigliari in caso di decesso e il risarcimento dei danni (prevenzione terziaria).


 

L’associazione per perseguire tali finalità svolge la sua attività:

  1. al fianco dei lavoratori esposti ed ex esposti, assistendoli legalmente per il riconoscimento dei benefici previdenziali e  della malattia professionale e per il risarcimento danni;
  2. al fianco delle Istituzioni locali e nazionali nella costruzione di un contesto normativo in cui il bando dell’amianto e degli altri agenti tossici patogeni sia dotato di effettività;
  3. al fianco della Magistratura, nella sua azione di individuazione e di repressione dei reati contro la salute e contro l’ambiente, e nella sua azione di ristoro dei danni causati ai singoli e alle comunità;
  4. al fianco delle strutture mediche, con l’obiettivo di potenziare gli interventi di prevenzione primaria, di prevenzione secondaria, di conoscenza e di informazione sugli effetti degli agenti tossici patogeni;
  5. al fianco ed insieme alle altre Associazioni che perseguono valori e principi coincidenti con i propri, con le quali intende agire in sinergia per la tutela dell’ambiente, della salute, dei diritti dei cittadini e dei lavoratori, perseguendo insieme tutte le possibili iniziative di sviluppo.

L’Osservatorio ha il suo simbolo nel guerriero etrusco, dal suo scudo decorato con il “fiore della vita”: lo scudo è metafora della diuturna lotta del bene contro il male, della verità contro la menzogna, della giustizia contro l’ingiustizia. Questa lotta epica cerca di sconfiggere la cultura del profitto ad ogni costo che presuppone il sacrificio di vite umane sull’altare del cd. progresso (che è inteso solo delle cose), per riaffermare la sacralità della vita umana e la sua intangibilità, per scongiurare ulteriori lutti e tragedie.

Il Santo Padre Benedetto XVI, per la Giornata mondiale delle vittime dell’amianto (27.04.2011), durante l’omelia in Piazza San Pietro, ha salutato i rappresentanti dell’Osservatorio Nazionale sull’Amianto, e li ha esortati a proseguire nella loro importante attività a difesa dell’ambiente e della salute pubblica, per riaffermare così la dignità della persona umana contro la folle corsa del male.

L’Osservatorio Nazionale Amianto ha costituito una serie di Dipartimenti, per poter fornire dei servizi gratuiti a tutti i cittadini e perseguire gli obiettivi principali di prevenzione primaria (bonifica dei siti, per evitare ogni forma di esposizione), secondaria (diagnosi precoce, assistenza medica, ricerca scientifica, etc.) e terziaria (epidemiologia, riconoscimento delle prestazioni previdenziali e del risarcimento dei danni e punizione dei responsabili).

Raccoglie studi, pubblicazioni e dati sul mesotelioma, per la sua terapia e cura. E’ anche possibile, per i pazienti affetti da questa terribile malattia, usufruire del servizio di second opinion e di ascolto, grazie alla collaborazione del Prof. Luciano Mutti.

Mappa il territorio italiano, attraverso il portale della Guardia Nazionale Amianto – ONA, che permette a tutti i cittadini di segnalare siti contaminati da amianto e collaborare con le istituzioni e le forze dell’ordine per la loro messa in sicurezza.

Assiste tutti i militari, tutti gli ex militari e tutti gli appartenenti al personale civile esposti e vittime dell’uranio impoverito e di altri cancerogeni e patogeni.

Elabora nuove soluzioni, con innovativi e complessi progetti di soluzione del problema amianto, in quanto l’amianto si lega alla contestuale contaminazione operata da altri agenti inquinanti e patogeni concentrati in quasi il 3% del territorio nazionale.

Supporta e orienta chiunque si trovi in una situazione di difficoltà e sofferenza o anche che abbia bisogno di poter porre domande ed essere ascoltato.

Instaura un protocollo per la diagnosi, terapia e cura dell’asbestosi e delle altre patologie fibrotiche non neoplastiche ed erogare la consulenza legale che può essere richiesta del tutto gratuitamente.

Eroga una consulenza medica del tutto gratuita, un servizio di second opinion, con indirizzo ai centri di eccellenza della sanità pubblica. Contemporaneamente, erogare tutela legale.

Assiste tutti i lavoratori e cittadini che, in seguito ad esposizione a polveri e fibre di amianto negli ambienti di vita e lavoro, hanno subito dei danni e quindi chiedono la tutela medica e legale.

Fornisce una guida alle vittime, per dare loro la possibilità di ottenere il riconoscimento dell’origine professionale di quelle patologie che non sono inserite nella Tabella I dell’INAIL.

Tutela la salute e gli ambienti di lavoro di tutti gli appartenenti alle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate, non solo rispetto all’amianto, ma anche in relazione a tutti gli agenti patogeni ed in relazione alle missioni al di fuori del territorio nazionale.

Tutela la salute e gli ambienti di lavoro di tutti gli appartenenti delle Forze dell’Ordine, non solo rispetto all’amianto, ma anche in relazione a tutti gli agenti patogeni, anche in relazione alle missioni fuori del territorio nazionale.

Assiste tutti quei cittadini che volessero segnalare la presenza di materiali in amianto nei plessi scolastici.

Opera con uno sportello di assistenza on-line per rendere gratuitamente pareri e dare indicazioni in ordine alle strutture pubbliche cui potersi rivolgere in caso di sospetta o conclamata patologia cardiaca e cardiocircolatoria.

Assiste per ottenere il risarcimento dei danni da malasanità, ivi compresa la violazione degli obblighi di sorveglianza sanitaria per i lavoratori esposti ad amianto e ad altri cancerogeni.

 

Per saperne di più è possibile consultare il sito istituzione al link www.osservatorioamianto.com/dipartimenti/ e contattare l’Osservatorio Nazionale Amianto e l’Avv. Ezio Bonanni inoltrando una email all’indirizzo:

osservatorioamianto@gmail.com

oppure chiamando telefonicamente al numero:

0773/663593

L’informazione viene fornita anche attraverso gli sportelli amianto disseminati su tutto il Territorio Nazionale e con gli sportelli virtuali sui social network, Facebook, Twitter ed Instagram.

Il “Giornale dell’amianto ONA ONLUS” è uno strumento attraverso il quale gli associati, i simpatizzanti e anche coloro che non sono iscritti all’associazione possono avere accesso a tutte le notizie e i fatti inerenti l’amianto e gli altri cancerogeni e alle attività finalizzate al raggiungimento degli scopi sociali (bonifica, ricerca scientifica e terapia delle patologie, risarcimento dei danni e prestazioni previdenziali ).

Chiunque volesse può iscriversi alla nostra Newsletter ed essere sempre informato sulle notizie pubblicate.  

Inoltre, chiunque potrà commentare le notizie.

Per segnalazioni e altro, scrivere a:  osservatorioamianto@gmail.com

 

Contatti:

Sede Nazionale e Ufficio di Presidenza

Roma, Via Crescenzio n. 2 Sc. B int. 3

Tel: 06/68309534 – 331/9806771

Comunicazioni per e-mail: osservatorioamianto@gmail.com

Per segnalazioni urgenti e in caso di assoluta necessità, il Presidente Avv. Ezio Bonanni, può essere contattato telefonicamente al n. 0773/663593 ovvero al n. 335/8304686, e-mail: avveziobonanni@gmail.com

Presidente

Avv. Ezio Bonanni

Tel: 0773-663593 / 335-8304686

E-mail: osservatorioamianto@gmail.com

https://eziobonanni.jimdo.com/

https://www.facebook.com/avveziobonanni/

Segretario Generale

Dott. Michele Rucco

Tel: 0773 663593

E-mail: segretariogenerale.ona@gmail.com

Coordinamento della comunicazione e dell’attività dell’ONA sui social network e del Comitato “Esposti e vittime amianto dei militari appartenenti alla Guardia di Finanza” e agli altri Corpi dello Stato

Sig. Antonio Dal Cin

Tel: 349 5293847; 0773/511463

E-mail: ona.gdf@gmail.com

Coordinamento genitori e alunni esposti ad amianto nelle scuole e nelle università.

Sig.ra Antonella Franchi

Tel: 328-4648451

E-mail: antofra69@libero.it

Ufficio Stampa

Dott.ssa Fabrizia Nardecchia

Tel: 392-7462313

E-mail: osservatorioamianto@gmail.com

Dott. Gianni Avvantaggiato

Tel: 329-6183220

E-mail: gianni.avvantaggiato@gmail.com

 

Per aderire all’Osservatorio Nazionale Amianto, clicca quì