Amianto, la paura di morire è “un danno”. Sentenza choc contro Enel Green Power

0
Larderello

geotermia-larderello

ENEL Green Power condannata al risarcimento dei danni biologici psichici e psicobiologici da esposizione ad amianto.

Si è ammalato di placche pleuriche e iniziale asbestosi dopo essere stato esposto all’amianto lavorando nel Campo Geotermoelettrico di Larderello, in provincia di Pisa. Ed è caduto in depressione per il terrore di contrarre malattie mortali da amianto, dopo aver ottenuto il prepensionamento in giovane età.
Il Tribunale di Pisa, con una sentenza storica, ha riconosciuto il danno biologico e anche quello psichico e psicobiologico ed ha condannato Enel Green Power Spa e Inail ha risarcire i danni. Dovranno pagare a S.C. rispettivamente circa 27mila euro, oltre le rivalutazioni e gli interessi, e l’indennizzo di 6mila euro oltre interessi, per i “danni biologici sofferti, in seguito a placche pleuriche, ispessimenti pleurici e stato depressivo, da paura di ammalarsi, cagionato dalla esposizione professionale ad amianto non cautelata”.

Una vittoria storica per l’Osservatorio Nazionale Amianto, non solo perché si afferma la civile responsabilità di ENEL Green Power (anche quale cessionaria di ENEL SpA) ma anche perché viene riconosciuta la capacità invalidante dell’esposizione ad amianto sulla psiche umana, su quell’equilibrio psicofisico, su cui poi si fonda lo stato di benessere della persona e in questo caso del malessere.
“Si tratta di una decisione storica. Riteniamo che i danni da esposizione ad amianto siano ben maggiori, ma si tratta solo di un primo passo, perché, ottenuta la sentenza pilota, ora verranno intraprese le azioni giudiziarie nell’interesse di tutti quei lavoratori che hanno ottenuto sentenze di riconoscimento dell’esposizione ad amianto, con prepensionamento, ma senza risarcimento da parte dell’ENEL, la quale ha tenuto condotte non legittime, delle quali quindi dovrà rispondere nelle competenti sedi” dichiara l’avvocato Ezio Bonanni, Presidente dell’ONA e legale del ricorrente.

Sono state accolte quindi le tesi dell’ONA, secondo le quali l’esposizione ad un cancerogeno, in questo caso l’amianto, è comunque dannosa per la salute umana, e provoca, oltre al danno biologico molecolare, uno stato infiammatorio prodromico ad un rischio di degenerazione neoplastica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here